Costume di Carnevale fai da te: orsetto e volpe | Mammeacrobate

cappellino da orsettoPer mascherare un maschietto di circa un anno (ma va bene anche per una bimba a dire la verità) ho pensato a un cappellino da orsacchiotto, che potete poi usare anche passato Carnevale.

Cappellino fai da te per costume Orsetto

OCCORRENTE

lana marrone typo baby
ferri da maglia o ago circolare
2 bottoni
lana nocciola
forchetta
ago, filo, forbici
un minuscolo pom pom rosa o un bottoncino rosa

Per fare il cappellino fate riferimento alla spiegazione per quello da coniglietto mettendo però su 40 punti. Per decorarlo fate due pom pom con la lana nocciola che fisserete sulla cima del cappellino, leggermente ai lati. Cucite poi i due bottoni per gli occhi e il bottoncino rosa o, se lo trovate un piccolo pom pom (si trovano nei negozi di hobbystica).

Cappellino fai da te per costume Volpe

cappellino da volpePer un cappellino per un po’ bimbo più grande (5-6 anni) ho pensato invece alla volpe come animaletto.

OCCORRENTE

lana marrone
ferri da maglia o ferri circolari
ago da lana
feltro spesso 3 mm marrone
pannolenci rosa

Per fare il cappellino seguite sempre le istruzioni per il cappellino precedente, montando però 46 maglie. Per le orecchie tagliate nel feltro marrone due triangoli un po’ ondulati per simulare la forma dell’orecchio tipico della volpe. Fate la stessa cosa con il pannolenci rosa, facendo però dei triangoli più piccoli.
Attaccate l’interno dell’orecchio sul triangolo marrone, al centro. Fissate le orecchie cucednole sul cappellino in alto, leggermente ai lati.
La volpe è pronta!

 

FORSE TI INTERESSA LEGGERE ANCHE 

Costume di Carnevale fai da te: il coniglietto

Costume di Carnevale fai da te: vestito da principessa

Costume di Carnevale last minute

 

Author

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.