Da avvocato a istruttrice di equitazione e imprenditrice: ecco la storia di Sofia

0
Tweet about this on TwitterShare on Facebook92Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

Sofia ha quarantadue anni, due bambini di sette e due anni, un compagno cuoco e pastaio, e da quasi vent’anni esercita il mestiere di avvocato. Ma la passione per il cavallo ha vinto: a fine marzo 2017, dopo quasi due anni di meditazione e progettazione, comincia la sua avventura imprenditoriale al fianco di Antonella al maneggio “Cavallo Felice Asd”.

A un’ora esatta di auto da Milano, nel comune di Massazza, provincia di Biella, un “Posto felice” ha una posizione straordinaria in un habitat unico. Conoscete la Baraggia? Si tratta di una delle ultime savane europee. Un territorio incontaminato, dove si può passeggiare solo a cavallo, in bici e a piedi. Provate ad andare al galoppo nella Baraggia, con il vento che sfiora le orecchie, e se per un attimo socchiuderete gli occhi, vi sentirete liberi e spericolati come i cavalli selvaggi del delta del Danubio.

Un passo alla volta, però. Per arrivare a provare le emozioni forti del galoppo e dei salti, è necessario iniziare a conoscere i cavalli in ogni loro sfumatura. E a questo ci penseranno proprio Sofia e Antonella, che con i cavalli ci parlano da quando sono bambine e sanno quali tesori nasconde una relazione di rispetto e amore con questi animali.

Sofia, dicci: com’è nato il tuo amore per i cavalli?

Ho montato un pony la prima volta, credo, a tre anni. Mio padre racconta ancora che dalla mia faccia e dal mio sorriso capì subito di essere “fregato”. Poco dopo, nel 1980, ho fatto la mia prima lezione di equitazione e si può dire che da quel momento non sono mai più scesa da cavallo. Per i successivi dieci anni ho vissuto immersa nel mondo dei pony avendo la fortuna di avere un papà che si è appassionato come, e forse più di me, diventando istruttore e gestore del Pony Club Fiorello torinese. In quegli anni spensierati ho incontrato un’equitazione fantastica, che tutti i bambini appassionati di cavalli dovrebbero poter sperimentare: quella dei giochi a cavallo, dei caroselli (presentati anche alla Fieracavalli di Verona), delle passeggiate e dei campi estivi, delle prime gimkane e garette di salto. Questo modo di vivere l’equitazione mi ha permesso di imparare la vita di maneggio insieme ad altri bambini e ragazzi, nella cura e nel rispetto dei cavalli.

Successivamente mi sono dedicata principalmente alla disciplina del salto ostacoli arrivando a conseguire negli ultimi anni ottimi risultati in categorie h. 130 cm di concorsi nazionali a 5 stelle e ottenendo il 2° posto ai Campionati Regionali lombardi Amazzoni nel 2013.

Questa mia passione è sempre stata travolgente tanto che dopo un breve periodo di allontanamento dai cavalli durante l’università, pur di riavvicinarmi a loro, nei primi anni di esercizio della professione di avvocato e del mio conseguente trasferimento a Milano, un paio di volte la settimana mi alzavo alle cinque del mattino per andare a San Siro in ippodromo a montare i cavalli da galoppo prima di recarmi in studio.

Da avvocato a istruttrice di equitazione, e imprenditrice. Come hai maturato la decisione di cambiare vita?

Era il 2014 e aspettavo il mio secondo figlio. Ero alla ricerca di un luogo giusto dove trasferire il mio cavallo, Quickstep. Dopo avermi regalato tante soddisfazioni in gara, infatti, meritava una vita “post agonistica” felice e diversa dalla vita in box. Così ho cominciato a informarmi sui metodi di gestione naturale dei cavalli e in rete ho incontrato Antonella Boffa Ballaran. Poco dopo ho trasferito il mio cavallo a “Un Posto Felice” e, a distanza di due anni, la curiosità per i metodi e la filosofia portati avanti da Antonella mi hanno travolto. E’ lì che ho deciso di cambiare vita e proporle di sviluppare insieme il progetto “vacanze e campi estivi a Un Posto Felice”, così da poter offrire ai bambini e ai ragazzi (così come è successo a me da piccola) la possibilità di conoscere, durante le vacanze, un’equitazione rispettosa del cavallo, del suo benessere psico-fisico e della sua natura.

Iniziare a montare presso Cavallo Felice A.s.d. significa, prima di tutto, consentire a un bambino di comprendere che il cavallo è un essere vivente che ama stare all’aria aperta e con i suoi simili e che è contro la sua natura tenerlo in un piccolo box per la maggior parte della sua giornata.

In un contesto di gestione naturale del cavallo, l’allievo ha l’occasione di rapportarsi con cavalli sereni e tranquilli e impara a dialogare con loro in modo armonico, sperimenta che per i cavalli non è sempre necessario essere ferrati né essere montati con un’imboccatura e che i metodi di dialogo alternativo sono tanti. Infatti, durante le nostre lezioni collettive tutti i cavalli della scuola sono montati con la sola capezza.

Un consiglio per chi è nuovo di questa disciplina: qual è l’età giusta per iniziare a stare in sella?

Salvo rare eccezioni, direi che nel rispetto dello sviluppo psico-motorio di un bambino, l’ideale sia iniziare a montare verso i sei anni. Prima di tale età è comunque possibile fare qualche breve esperienza in sella ed è certamente possibile sperimentare attività di cura e gioco con i pony.

Passo, trotto, galoppo. Cosa impareranno i bambini che avranno la possibilità di frequentare un campus di equitazione a un Posto Felice?

Per chi si avvicina per le prime volte all’equitazione si procederà per gradi: inizieremo con la messa in sella e alcuni primi esercizi al passo per stabilizzare e far sperimentare l’equilibrio, fino ad arrivare alle prime esperienze al trotto per imparare a battere la sella e potersi così inserire nelle lezioni di gruppo.

Per chi invece a cavallo sa già andare, vi saranno lezioni ed esercizi mirati al livello di ciascuno e alle tre andature (passo, trotto e galoppo), fino ad arrivare anche ad affrontare piccoli salti per i più avanzati.

Il cavallo non è per tutti. I bambini, inoltre, sono imprevedibili nelle loro paure come nei loro entusiasmi. Per chi è principiante, forse consiglieresti cominciare con un laboratorio giornaliero?

Direi proprio di sì! I laboratori della domenica sono rivolti a tutti, dagli 0 ai 99 anni e si svolgeranno tutte le domeniche pomeriggio a partire dal 26 marzo e sino ai primi di giugno. Può essere un modo per stabilire un primo profondo contatto con un pony o un cavallo, impratichirsi con le prime cure di pulizia e sellaggio e iniziare i primi approcci attraverso alcuni giochi da terra e la prima esperienza in sella, il tutto sotto la supervisione dei nostri istruttori.

Per molte famiglie è già ora di pensare a come organizzare i mesi estivi, quando le scuole saranno chiuse. Ci spieghi meglio come sono strutturati i campus estivi?

Campi Estivi di “Cavallo Felice” sono riservati a bambini e ragazzi dagli 8 ai 14 anni e si svolgeranno dal 12 giugno al 5 agosto e dal 28 agosto al 9 settembre, dal lunedì al sabato, nelle modalità residenziale (con pernottamento) o solo diurno. Ai partecipanti saranno proposte dai nostri istruttori qualificati attività equestri quotidiane, commisurate al livello di esperienza di ciascuno, che si articoleranno in lezioni collettive, pony games, gimkane, carosello, passeggiate, governo e teoria, volteggio e piccolo saggio finale. Inoltre un educatore qualificato sarà sempre presente e proporrà attività ludico-sportive e laboratori creativi. Il 7 e il 14 maggio 2017 ci saranno gli Open Day di presentazione aperti a tutti gli interessati. 

Una delle maggiori paure che possono avere i bambini, e ancora di più i loro genitori, è quella di cadere dal cavallo. Possiamo in qualche modo rassicurarli?

Credo che l’equitazione sia “pericolosa” al pari di molti altri sport. E’ vero, si può sempre cadere da cavallo, capita a tutti e a tutti i livelli. Anzi, per imparare è necessario anche cadere, rialzarsi e ricominciare. Il nostro compito è quello di creare un ambiente e le condizioni migliori di attenzione affinché un’eventuale caduta sia occasione di apprendimento e non di rinuncia.

I costi. Qual è il prezzo di una settimana in residenza e di un laboratorio giornaliero?

Una settimana di campo estivo residenziale costerà 490 euro, mentre in modalità non residenziale 290 euro. Saranno applicabili alcuni sconti quali

  • “early booking” per iscrizioni entro il 15 aprile 2017;

  • “porta un amico”: applicato a chi procura l’iscrizione di un amico;

  • iscrizioni a più settimane;

  • fratelli, anche se frequentanti diversi turni

  • 
Per quanto riguarda i laboratori domenicali il costo sarà di circa 30 euro.

Per info

www.unpostofelice.com/cavallofelice

www.facebook.com/vacanzeacavallounpostofelice

Foto gentilmente concesse da Sofia


Autore del post

Giornalista-blogger e mamma-matrigna. Questa sono io. Con il blog mammamatrigna cerco di raccontare gli scuotimenti e le difficoltà di questo doppio ruolo. Lo faccio perché fa bene a me e spero porti sollievo anche a chi mi legge. La famiglia allargata è complessa ma non impossibile. Ci vuole coraggio amore e pazienza. E un pizzico di leggerezza... Seguimi anche su Twitter @mammamatrigna #mammamatrigna