Vacanze pasquali allargate con figliastra adolescente

0

L’altro giorno davanti a scuola una mia amica – anche lei matrigna di una figliastra e con altri due figli concepiti con il di lei papà – mi ha raccontato le sue vacanze pasquali allargate.

Alla fine sono scoppiata a ridere.

È proprio vero che le famiglie allargate si assomigliano tutte.

Il punto è sempre uno: accontentare tutti. Marito, ex moglie, figli e figliastri. Chi resta nel mezzo è la matrigna: vittima del racconto delle favole per cui deve essere cattiva, sublima questa sua cattiveria cercando di essere perfetta. E alla fine delle vacanze, stramazza e torna felice al lavoro.

Vacanze pasquali allargate con figliastra adolescente: il racconto

LEI: Abbiamo deciso di andare nella nostra casa in Val d’Aosta, visto che Pasqua cadeva a fine marzo e c’era ancora neve. Non avevo considerato che erano già passati due anni dall’ultima Pasqua allargata, in base alla salomonica legge che grava sui figli di separati dell’alternanza delle festività. La figlia di mio marito all’epoca era ancora in quinta elementare e il massimo della complicazione poteva essere conciliare i livelli dei corsi di sci e la programmazione serale in TV!

IO: Scommetto che avete sclerato per il bagno e per il telefonino!

LEI: Annuisce, e si giustifica. Massì, niente di che, se fosse mia figlia sarebbe lo stesso, siamo stati tutti adolescenti, ma lo sai che ha passato i primi due giorni attaccata al telefono, chiedendomi consigli su come comportarsi con uno che le piace, ma piace anche alla sua amica, e lui fa il lumacone con tutte e due. Ma come glielo spiego? Aggiungici il padre geloso: “Con chi chatta tutto il giorno, chi è sto Federico, siamo impazziti, se fa così a 12 anni a 16 cosa deve succedere?”

IO: E tu?

LEI: Io abbozzo, un po’ rido ripensando alle mie cotte di ragazzina, un po’ chiudo un occhio quando esagera con WhatsApp e con il mascara, un po’ la bacchetto se mette troppa maionese sulle patatine. Comunque dopo i primi due giorni la situazione era meno tesa. Tutti abbiamo bisogno di ambientarci in vacanza, grandi piccoli e a maggior ragione chi vive tra due famiglie

E voi altre mamme matrigne, col dono delle equilibriste, come avete passato questo ponte pasquale?

photo credit: ritaglio KRiemer – pixabay


Autore del post

Giornalista-blogger e mamma-matrigna. Questa sono io. Con il blog mammamatrigna cerco di raccontare gli scuotimenti e le difficoltà di questo doppio ruolo. Lo faccio perché fa bene a me e spero porti sollievo anche a chi mi legge. La famiglia allargata è complessa ma non impossibile. Ci vuole coraggio amore e pazienza. E un pizzico di leggerezza… Seguimi anche su Twitter @mammamatrigna #mammamatrigna