Back to school: 10 suggerimenti per riprendere la scuola senza traumi

Tre mesi di vacanza – in cui giocare, saltare, svegliarsi più tardi al mattino e magari posticipare di un’oretta la nanna, stare con mamma e papà più tempo e fare passeggiate o nuotate in mezzo alla natura – passati in un soffio. Ora, l’incubo della ripresa della scuola incombe: le facce si fanno più tristi, i capricci raddoppiano e noi genitori non sappiamo da che parte sbattere la testa. Come fare a riprendere il solito tran tran in un clima sereno per tutti? Ecco qualche suggerimento per un back to school senza traumi!

Rientrate dalle vacanze almeno una settimana prima

Occorre per decomprimere e per riabituare i piccoli agli orari del dovere. Quindi, ristabilite la sveglia sull’orario per andare a scuola al mattino e la sera tutti a letto presto!

Mantenete l’abitudine della buona colazione

Di solito, in estate con più tempo a disposizione, si fa una colazione più ricca al mattino. Mantenete questa buona abitudine, magari svegliando i bambini mezz’ora prima: all’inizio brontoleranno, ma è necessario per affrontare con l’energia giusta la giornata. E date il buon esempio, facendola insieme a loro.

LEGGI ANCHE: Dislessia: come riconoscerla e cosa può fare un genitore?

Rendete i bambini autonomi

Se già i vostri figli frequentano la scuola primaria, è giusto cominciare ad abituarli a essere indipendenti: quindi, insegnate loro a preparare lo zainetto e i vestiti da indossare sulla sedia la sera prima, tutto da soli, sotto la vostra supervisione, ovviamente.

Sì ai giochi in scatola

Invece che piazzarli davanti alla tv con videogiochi o cellulare, perché non provare insieme a loro qualche gioco in scatola? Stimolano la logica e la concentrazione, nonché il problem solving, tutte qualità che a scuola servono eccome.

LEGGI ANCHE: 7 giochi Montessori che tutti abbiamo a casa e non lo sappiamo!

Tutti all’aperto a giocare

A settembre la temperatura è ancora mite e le giornate ancora lunghe. Spronateli a uscire in giardino a giocare, soprattutto le prime settimane, più scariche di compiti. L’aria aperta e il sole stimoleranno la produzione di endorfine, gli ormoni del buonumore, rendendo più leggero il passaggio tra le vacanze e l’inizio della scuola.


Organizzate insieme la settimana

All’inizio della scuola, preparate insieme un bel cartellone colorato, con indicate tutte le attività da riprendere: scuola, danza, equitazione, compiti… Servirà a loro per sentirsi più responsabili e a voi per non perdere di vista ogni impegno.

Cenate tutti insieme

Sappiamo che il lavoro alla ripresa è sempre duro da gestire, ma almeno le prime di settimane di scuola, cercate di cenare insieme ai vostri figli, di modo da poter dialogare con loro su com’è andata a scuola e far sentire la vostra presenza in un momento così delicato.

LEGGI ANCHE: La scuola deve essere una finestra spalancata sul mondo!

Scegliete insieme il materiale per la scuola

Coinvolgeteli nella scelta del materiale scolastico: fate scegliere loro il diario e lo zaino nuovo. Questo li gratificherà, rendendo il rientro a scuola, almeno più stiloso.

Ritrovate gli amichetti

La settimana prima del back to school, organizzate a casa o nel parco un pomeriggio di giochi con i loro compagni di banco: rivedere gli amichetti farà loro ritornare la voglia di frequentare un po’ di più la scuola… almeno all’intervallo.

Siate disponibili al dialogo, sempre

Soprattutto le prime settimane di scuola, monitorate la situazione e osservate i vostri bambini per carpirne gli umori: se li vedete tristi o affranti, dimostratevi vicini, ma senza essere insistenti. Devono sapere di poter contare su di voi, senza vivervi come delle guardie!

 

Diritto d’autore: djedzura / 123RF Archivio Fotografico


Author

Innamorata della vita, dei viaggi, della buona cucina. Smanettona, amo i social e la condivisione, più offline che online: le lunghe tavolate, le domeniche in famiglia, la risate esagerate. Freelance per vocazione, lavoro sul web dal 2009, nel 2013 divento co-founder di PaperProject.it. Nel 2016 realizzo il mio più grande sogno: diventare la mamma di Giacomo.