Expo 2015: tanti servizi per bambini e famiglie

Manca poco, meno di un mese, all’avvio di Expo 2015, l’Esposizione Universale  che si terrà a Milano dal 1° maggio al 31 ottobre 2015 e che accoglierà i rappresentanti di oltre 140 paesi.

Tanti gli ospiti previsti da tutto il mondo, tra cui molti genitori  con bambini, visitatori a cui verrà dedicata un’attenzione speciale per permette di vivere un’esperienza a misura di famiglia e garantire la migliore accoglienza possibile all’interno del sito espositivo.

Grazie al supporto di Chicco, sponsor ufficiale della Children Hospitality di Expo 2015, infatti le famiglie potranno usufruire di tutta una serie di servizi a loro dedicati, tra cui:

  • una Welcome Area per accogliere e fornire indicazioni logistiche su tutti i punti/servizi di Hospitality a disposizione e dove si potrà ritirare un Welcome Kit contenente una mappa cartacea e digitale dei servizi family friendly presenti all’interno del sito espositivo, oltre ad alcuni prodotti utili per il baby-care.
  • 1000 passeggini di cortesia offerti gratuitamente ai genitori, per consentire loro di muoversi liberamente, senza dover portare il passeggino da casa;
  • 14 Aree Nursery dove sarà possibile trovare tutto il necessario per l’allattamento e il cambio dei più piccoli, grazie a una fornitura di 350.000 salviettine detergenti, 50.000 confezioni di pannolini e oltre 30.000 prodotti tra fasciatoi, federe, cuscini per l’allattamento e mangia-pannolini;
  • più di 1000 prodotti per la pappa tra seggioloni, rialzi sedia e scalda-biberon collocati nei 10 punti ristoro presenti all’interno della manifestazione.

Davvero tanti servizi family friendly!

Voi visiterete l’Esposizione?

photo credit: Free from diaper via photopin (license)

Author

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.