Vacanze da nonna: un'estate movimentata!

Vero è che non è ancora finita,  ma si sa che quando rientri in città è come se lo fosse.

Siamo rientrati tutti in famiglia e posso permettermi di fare qualche riflessione sui giorni trascorsi “in vacanza”.

Allora, per ben due mesi sono stata in montagna. Per un mese ho avuto i nipoti e per tutto il periodo anche una delle due bisnonne.

Tutto bene, a parte…

  • distorsione caviglia nipote Macro (pronto soccorso e fasciatura rigida)
  • racchettata in fronte a nipote Micro
  • ferite giornaliere su ginocchia, gomiti, faccia ecc.
  • caduta della bisnonna con relativo pronto soccorso e punti di sutura
  • sparizione improvvisa e purtroppo (pare) definitiva della gatta della bisnonna

Posso affermare che :

  • il rapporto con i nipoti è stato idilliaco (salvo qualche inconveniente nei fine settimana!!)
  • il rapporto con la bisnonna è stato buono (il solo fatto di avere vicino il suo amato e unico figlio la consolava)
  • il rapporto con il marito è stato pressoché nullo!!

Sempre da fare!

Ogni giorno ero impegnata, oltre che a rassettare lo stretto indispensabile la casetta, lavare una miriade di magliette che mi pareva avessero il potere di moltiplicarsi autonomamente, a inventare qualcosa da mettere in tavola, a riempire le giornate dei due piccoli guerrieri.

Certo non mancavano i giochi, i palloni, le racchette (e chi più ne ha più ne metta) ma vuoi mettere inventare una cascata con legni e acqua vera, inventare infusi di erbe e terra, inventare una casetta fatta di sedie e teli….

I compiti delle vacanze (e non solo!)

Di primo pomeriggio poi c’era l’odiato incontro con i compiti delle vacanze di Macro. Una vera e propria battaglia senza vincitori. Oltre tutto, per lasciare al piccolo scolaro un minimo di concentrazione, occorreva distrarre e allontanare Micro che invece avrebbe voluto fare lui i compiti del fratello o quanto meno disturbarlo mentre li faceva.

Arrivavo a sera leggermente stravolta ma, mi dicevo, finalmente potrò leggere qualche pagina del mio libro.

Mi sbagliavo perché bisognava:

  • partecipare all’animazione della pro-loco (tombola, marionette, clown, baby-dance…)
  • fare una partita a carte oppure a jenga oppure al gioco dell’oca
  • bere tutti insieme una camomilla
  • vedere l’ultimo cartone
  • litigare per chi aveva diritto ad addormentarsi vicino alla nonna.

Arrivano mamma e papà

E poi veniva il fine settimana……. e io diventavo invisibile. O meglio, per i nipoti diventavo invisibile!

Dal venerdì mattina cominciavano ad aspettare mamma e papà (addirittura Micro – che già aveva qualche difficoltà a capire quando il “domani” diventava “oggi” – si appostava alla finestrina sul parcheggio dalle 9 del mattino in attesa di vedere la macchina di papà.)

Finalmente arrivavano, spesso a tarda sera e –  giustamente nonna e nonno non contavano più niente. Se poi arrivava anche la cagnolina contavano poco anche i genitori!!

Nessuno voleva che gli leggessi il libro, nessuno voleva dormire vicino a me, nessuno mi cercava per giocare…. L’unica domanda che veniva rivolta a me era: “Nonna è pronto da mangiare?”

Vabbé avete capito che le mie vacanze sono state belle e piene di soddisfazione: sarei pronta a ripartire domani e ricominciare da capo!

 

Author