Estate giocando: giochi da fare all'aperto per bambini

L’estate è sinonimo di vacanze, tempo libero, vita in famiglia e per i più piccoli soprattutto di gioco! Giocare per i bambini – ma anche per gli adulti – è un’attività fondamentale, fatta di esperienze attraverso cui s’impara a conoscere se stessi, i propri limiti, ma anche a collaborare, a rispettare le regole, a capire l’importanza del gruppo… a mettersi in gioco, insomma!

D’estate poi, i bambini hanno più possibilità di vivere all’aria aperta, di esplorare l’ambiente e la natura che li circonda, dando libero sfogo alla fantasia e a quel senso di libertà che spesso manca, soprattutto se si vive nelle grandi città.
E allora, visto che abbiamo ancora un po’ di tempo prima che l’estate ci saluti, perché non avventurarci nei giochi dei nostri figli, concedendoci momenti condivisi che faranno bene a loro, ma anche a noi?

Abbiamo recentemente sperimentano alcune delle proposte di Giochi e attività nel bosco e in città, un volume edito da Erickson che raccoglie tante idee per divertirsi insieme ai propri bambini in maniera stimolante e coinvolgente.

Se siete in vacanza o avete in previsione una gita in montagna ecco due attività che piaceranno a tutti:

Giochi da fare all’aperto in montagna

Tutti sul tronco

Numero di giocatori: qualsiasi
Età: dai 2 anni in su

Il tronco di un albero abbattuto, possibilmente bello grosso, è il posto ideale per questo gioco. Tutti i partecipanti si mettono in ordine sparso sul tronco, dopodiché il conduttore comincia a impartire vari comandi – la cui difficoltà varierà secondo l’età – come:

  • disporsi sul tronco in ordine alfabetico;
  • disporsi sul tronco in ordine di altezza;
  • disporsi sul tronco in ordine di età.

I comandi devono essere eseguiti senza scendere dal tronco. Volendo, prima che il gioco abbia inizio, si può raccontare una storiella appropriata alla situazione o descrivere uno scenario di fantasia, ad esempio un orrido posto in fondo al quale scorre un fiume impetuoso dove vivono animali pericolosissimi come i coccodrilli! Nell’eseguire gli ordini i bambini naturalmente possono aiutarsi a vicenda.
Accogliete i suggerimenti dei bambini, a loro verranno in mente di sicuro idee sempre nuove e magari insolite!

Kim al tatto

Numero di giocatori: qualsiasi
Età: dai 3 anni in su

I partecipanti si mettono a coppie. Uno cerca nel bosco tre oggetti, l’altro li tocca a occhi chiusi. Poi s’invertono i ruoli.
Sotto un pezzo di stoffa mettiamo tanti materiali naturali (pietre, semi, foglie, gusci di lumaca, muschio, ecc.) quanti sono i partecipanti bendati seduti in cerchio. Ognuno prende un oggetto, lo tasta e, a un cenno del conduttore, lo passa al compagno seduto alla sua destra, che tasta a sua volta l’oggetto appena ricevuto e al cenno del conduttore lo passa, e via dicendo. Il gioco prosegue fino a quando uno dei partecipanti riconosce l’oggetto che aveva scelto all’inizio e grida: “Arrivato!”.

Varianti: Ci passiamo dietro la schiena oggetti difficili da identificare e toccandoli proviamo a capire di cosa si tratta.
Riempiamo un sacco con i vari oggetti ritrovati nel bosco. Uno dopo l’altro i partecipanti devono individuare attraverso il tatto, un determinato pezzo suggerito dal conduttore.

Giocare nel bosco è un’ottima occasione per stimolare i nostri sensi, per entrare in contatto con la natura e conoscere gli elementi che la compongono, luogo d’eccellenza per le avventure!

Giochi all’aperto da fare in città

Ma anche per chi resta in città non mancano i posti dove provare attività alternative, come altri due giochi che vi proponiamo. Dove? Per esempio il cortile o il parco:

I rumori della nostra via – Ascoltare

Dopo aver scelto il luogo che preferiamo, a occhi chiusi ci concentriamo sui rumori della strada cercando di distinguerli e di capire da quale direzione e da quale distanza ciascuno di essi proviene. Riconosciamo automobili, motociclette, biciclette, autobus, tram, sportelli che si chiudono, veicoli che partono, frenate, clacson, campanelli, voci, passi, ecc.

Conoscere la propria città, riconoscerne i luoghi per imparare a muoversi nel traffico cittadino è molto importante e per questo è fondamentale che i bambini siano capaci anche di distinguere i rumori, i suoni e capirne la provenienza. Questo gioco si può rivelare molto utile allo scopo.

Disegni sul selciato

Materiali: gessetti

Cortili asfaltati o coperti di catrame sono il luogo ideale anche per realizzare disegni creativi. Ai bambini non serve altro che una scatola di gessetti colorati ed eccoli già pronti a disegnare! In men che non si dica compariranno per terra immagini variopinte e fantasiose!

Disegni di ombre
Quando splende il sole, i corpi proiettano sul terreno ombre lunghe o corte a seconda dell’ora. I contorni di queste ombre possono essere ripassate con facilità usando i gessetti, dopodiché ognuno potrà colorare la propria ombra.

Dipingere figure
I partecipanti si sdraiano per terra in pose divertenti, poi anche in questo caso ripassiamo i contorni dei loro corpi con il gesso e coloriamo quindi le figure ottenute.

Il risultato finale saranno enormi disegni divertenti che potranno diventare i personaggi di storie da inventare insieme.

Giochi all’aperto da fare al mare

E se siete al mare? Via libera alle gare di castelli di sabbia o la sfida con le mitiche biglie purché fatte insieme… e per questi non pensiamo vi servano istruzioni!

 

Fonti: M.Bezdek et al., Giochi e attività nel bosco e in città, Erickson, Trento, 2013.

photo credit: Pexels

Author

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.