Sudamina o miliaria: cos'è, come riconoscerla, come curarla

Il vostro bambino ha tutta la pelle arrossata e cosparsa come di microscopici puntini, che gli provocano anche prurito? Non spaventatevi, si potrebbe trattare della sudamina – o miliaria -, uno sfogo che colpisce i bambini in estate, quando la pelle comincia a sudare di più. Con il caldo i dotti sudoripari si otturano, impedendo al sudore di evaporare, ma rimanendo intrappolato sotto pelle, e causando così l’infiammazione della cute, con una leggera eruzione cutanea. Ecco tutto quello che dovete sapere e come trattarla.

LEGGI ANCHE: 10 rimedi naturali contro la tosse grassa

Dove si manifesta la sudamina?

Di solito, la sudamina compare nelle zone più delicate, come il collo, la nuca, l’inguine, le ascelle, le pieghe degli arti, e nei neonati anche sul viso. Si manifesta con pelle arrossata e piccole bollicine, che passano nel giro di poche ore.

Quanti tipi di sudamina esistono?

Esistono tre tipi di miliaria, il nome scientifico della sudamina: la sudamina cristallina, la forma più lieve e più frequente nei neonati, con piccole lesioni puntiformi contenenti liquido trasparente, che si rompono e regrediscono in poco tempo; la sudamina rubra, con piccole lesioni rilevate e altre contenenti liquido, simili a vesciche di colore rossastro, che possono provocare prurito e bruciore; infine, la sudamina profonda, caratterizzata dalla comparsa di pustole.

Perché la sudamina si presenta nei neonati e bambini?

La sudamina è più diffusa nei bambini, perché gli adulti hanno una migliore capacità di termoregolazione e quando sentono di avere caldo si scoprono, mentre i bambini, soprattutto i neonati, non lo fanno. Inoltre, la superficie epidermica è minore, quindi fanno più fatica a espellere il sudore. 


LEGGI ANCHE: Come prendersi cura di pelle e capelli in estate

Come combattere la sudamina?

Per combattere la sudamina, bastano pochi semplici accorgimenti: vestitelo in modo leggero, sia per stare in casa che per uscire, e prediligete tessuti naturali e traspiranti, come il cotone o il lino; in casa, mantenete asciutti gli ambienti, anche tramite l’utilizzo del deumidificatore; fate un bagnetto rinfrescante, anche più volte al giorno, aggiungendo all’acqua dell’amido di riso o di mais, dall’azione assorbente, e per asciugarlo, tamponate la pelle con un asciugamano di cotone; infine, tagliategli le unghie, per evitare che si graffi e causi un’infezione alla pelle.

Come prevenire la sudamina?

I bambini bevono poco, non sentendo lo stimolo della sete. Quindi, abbiate cura che sia sempre ben idratato, preparandogli delle spremute o dei frullati, se l’acqua non la gradisce. Ricordatevi poi di controllargli spesso la temperatura, con la classica mano sulla fronte o dietro la nuca, per sentire se sta sudando eccessivamente. Infine, non fatelo uscire nelle ore più calde della giornata.

 

Diritto d’autore: lucalorenzelli / 123RF Archivio Fotografico


Author

Innamorata della vita, dei viaggi, della buona cucina. Smanettona, amo i social e la condivisione, più offline che online: le lunghe tavolate, le domeniche in famiglia, la risate esagerate. Freelance per vocazione, lavoro sul web dal 2009, nel 2013 divento co-founder di PaperProject.it. Nel 2016 realizzo il mio più grande sogno: diventare la mamma di Giacomo.