Scuola: dal 21 gennaio iscrizioni online | Mammeacrobate

iscrizioni online dal 21 gennaio 2013E’ in atto una grande rivoluzione che coinvolge la scuola, il web e le famiglie. Dal 21 gennaio, infatti, l’iscrizione alle classi prime delle scuole primarie e secondarie (quelle dell’infanzia sono escluse, per il momento) potrà essere fatta solo online, attraverso una procedura informatica che a giorni sarà attiva sul sito http://www.iscrizioni.istruzione.it/

 

Ecco cosa bisognerà fare:

1. Registrarsi sul sito http://www.iscrizioni.istruzione.it/ per ricevere sulla propria casella mail il codice personale di accesso al servizio IscrizioniOnLine

2. Individuare il codice di riferimento – Codice Scuola – della scuola alla quale si intende iscrivere il proprio figlio. Il codice si può trovare ricercando la scuola sul portale Scuola in Chiaro che fornisce anche il codice scuola oppure chiedendo direttamente alla scuola di vostro figlio.

3. Compilare la domanda online.

 

La domanda di iscrizioni verrà inviata automaticamente sia alla scuola di destinazione sia a quella attualmente frequentata da vostro figlio, così che ne sia informata.

Le famiglie potranno inoltre seguire l’andamento della domanda fino alla sua accettazione sempre attraverso il servizio IscrizioniOnLine.

 

Facile, veloce, intuitivo (pare).

 

Ma per chi non ha un pc e un collegamento a internet? Le statistiche stimano che ci siano in Italia 350mila famiglie con almeno un figlio minore che non hanno un accesso a internet. Per loro sarà possibile recarsi presso la segreteria della scuola dove si intende iscrivere il proprio figlio che, se necessario, potrà compilare per loro conto la domanda online.

 

Cosa ne pensate?

Author

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.