Imparare l'inglese da bambini divertendosi con i corsi di IH Milano | Mammeacrobate

Non c’è dubbio, l’inglese è la lingua più parlata al mondo dopo il cinese mandarino: è usata in diversi settori – come nel marketing e nella medicina – ed è molto utile quando bisogna comunicare con persone o colleghi stranieri.

Il problema però è che in Italia l’inglese lo parlano in pochi: lo dicono i dati dell’Education First EPI, che dimostrano che il nostro Paese è uno dei più bassi in classifica per quanto riguarda la conoscenza dell’inglese.

Un vero peccato, anche perché sono sempre di più le aziende che ai colloqui richiedono un buon livello di inglese. Ma per i futuri adulti c’è ancora speranza. Naturalmente anche in età avanzata è possibile imparareuna lingua: il problema però è che più si va avanti più è difficile.

Fino agli 8 anni il cervello è come una spugna: percepisce e assimila informazioni conservandole con molta facilità. Più si cresce più questo diventa difficile. Per questo imparare inglese fin da bambini è la cosa migliore, per non dover faticare da adulti. Se le regole grammaticali e la struttura delle frasi sono chiari fin da subito, negli anni successivi, quando si inizia a perdere la capacità di memorizzazione, è possibile perfezionare quanto appreso in precedenza.

Dunque, per non sprecare tempo da adulti, è bene che già da piccoli si impari a parlare inglese. Come? Associando l’inglese a delle attività ludiche in modo da rendere l’apprendimento un processo del tutto naturale.

Cartoni, giochi e libri in inglese

Se non si vuole che l’apprendimento diventi una cosa noiosa, bisogna stimolare il bambino ad esprimersi, a parlare una lingua straniera. Per favorire l’apprendimento è bene associare l’inglese alle sue attività preferite che solitamente svolge durante il giorno, come guardare cartoni animati, giocare con giochi in scatola o leggere libri e favole.

Dunque, collegare all’inglese i personaggi – anche di fantasia – che il bambino ama, stimola l’attenzione e l’apprendimento trasmettendo sensazioni positive.

Giocare in inglese inoltre sviluppa la fantasia e la memoria: un gioco che si addice alla perfezione è Memory. Oltre a stimolare le capacità cognitive, pronunciare l’oggetto rappresentato sulla carta ad alta voce è un buon esercizio per imparare nuovi vocaboli. In questo modo al bambino verrà più naturale pensare in inglese.

Per rafforzare e perfezionare ulteriormente l’apprendimento della lingua, poi, è bene iscrivere il bimbo a un corso di inglese già in età prescolare.

Corso inglese per bambini

Sono diverse le scuole che offrono un corso inglese per bambini, ma è il metodo di insegnamento che fa la differenza: International House Milano propone diversi corsi in base all’età e al livello di inglese, tutti tenuti da insegnanti qualificati che mettono al centro dell’attività il bambino.

L’apprendimento di una lingua straniera fin da piccoli riveste ormai una grande importanza, per questo i corsi di IH Milano, tenuti nelle sedi di San Donato e a Milano in zona Brenta, puntano soprattutto sull’apprendimento di vocaboli e frasi attraverso attività ludiche. Gli esercizi proposti facilitano l’acquisizione inconscia: in questo modo sarà più facile per il bambino assimilare nuove espressioni in modo naturale e senza stress.

Il catalogo di corsi di inglese per bambini di IH Milano

In base all’età e al livello di inglese del bambino vengono proposti dei corsi personalizzati o di gruppo: ad esempio, se con i bambini più piccoli le attività sono prettamente giocose, con i ragazzi più grandi si introducono gradualmente le regole grammaticali, in modo che migliorino anche la scrittura.

First Step

Adatto ai bambini dal 1° anno di materna, il First Step prevede 22,5 ore divise in 30 lezioni da 45 minuti un pomeriggio a settimana.

Infants

Pensato per i bambini dal 2° anno di materna al 1° anno delle elementari compreso, l’Infants prevede 30 ore divise in 30 lezioni da 1 ora un pomeriggio a settimana.

Junior

Ideale per i bambini a partire dal 2° anno delle elementari, il Junior dà la possibilità di scegliere tra due tipi di corsi:

  • Standard: 45 ore divise in 30 lezioni da 1,5 ore un pomeriggio a settimana;
  • Fast Track: 90 ore divise in 60 lezioni da 1,5 ore due pomeriggi a settimana.

Al completamento del livello i bambini potranno sostenere gli esami Starters e Movers per ottenere la certificazione internazionale di Cambridge English.

Teens

Perfetto per ragazzi a partire dal 1° anno della scuola media, il Teens permette di scegliere tra due opzioni:

  • Standard: 45 ore divise in 30 lezioni da 1,5 ore un pomeriggio a settimana;
  • Fast Track: 90 ore divise in 60 lezioni da 1,5 ore due pomeriggi a settimana.

Al completamento del livello i ragazzi potranno sostenere gli esami KET, PET, FCE e Advanced, per ottenere la certificazione internazionale di Cambridge English.

Inoltre, scegliendo l’opzione Fast Track – prevista nei corsi Junior e Teens – lo studente avrà la possibilità di apprendere più velocemente i dettami dell’inglese, sostenere gli esami CEFR prima dei suoi coetanei, raggiungere un livello avanzato della lingua prima di iniziare l’università e avere maggiori opportunità lavorative.

Cosa comprende l’iscrizione ai corsi di IH Milano

L’iscrizione a uno dei corsi di IH Milano comprende:

  • materiale didattico
  • organizzazione soggiorni studio all’estero
  • libri, video e DVD in lingua
  • sconti su libri e molto altro presso negozi convenzionati
  • eventi organizzati dalla scuola

Quando iniziano i corsi di inglese di IH Milano

I corsi prevedono un numero minimo di 4 studenti e un massimo di 10: le lezioni dell’anno scolastico 2019/2020 inizieranno a ottobre. A febbraio verrà consegnato ai genitori un report di metà corso con i progressi dello studente e in qualsiasi momento dell’anno sarà possibile comunicare o incontrare coordinatori e responsabili di IH Milano.

Author

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.