3 IDEE FACILI E ORIGINALI PER I TUOI PACKAGING DI NATALE - Mammeacrobate

Stanche dei soliti pacchetti regalo e di dover comprare metri e metri di carta e nastri che nel giro di poco vanno buttati? Abbiamo per voi qualche idea davvero originale per confezionare i vostri pensieri per il prossimo Natale, tutte rigorosamente low cost e con materiali di facile reperibilità.

BORSINE IN FELTRO

Per confezionare le borsine in feltro non è necessario sapere cucire o disegnare bene, basta la fantasia e gusto nell’abbinamento dei colori.

Occorrente:

  • Pannolenci di spessore 1 mm o feltro in vari colori – in commercio si trova facilmente in merceria o nei negozi di scampoli o di bricolage;
  • Colla a caldo;
  • Nastri in raso o altro materiale di vari colori di altezza circa 2 cm;
  • Righello e forbici;
  • Decorazioni a piacere tipo fiocchi, piccole pigne, bottoncini, campanelli ecc..

Ritagliare delle strisce di pannolenci rettangolari di base circa 15 cm e altezza circa 25 cm; le misure ovviamente possono variare a seconda della dimensione finale della borsina che si vuole ottenere.

Ripiegare la striscia a metà sul lato lungo e procedere ad incollare i lati con la colla a caldo, cercando di non sbordare troppo. Premere i due lembi del tessuto e lasciare asciugare bene la colla; si otterrà in questo modo una sorta di tasca con la base chiusa e i due lati lunghi di destra e sinistra sigillati dalla colla, mentre in alto rimane l’apertura.

Una volta asciugata la colla rivoltate la borsina in modo che le incollature stiano all’interno – nell’operazione prestare attenzione a non strappare o scollare i lembi. A questo punto tagliare due strisce di nastro di raso di uguale lunghezza per fare i manici ed incollarli rispettivamente in alto sui due lati aperti, mettendo qualche goccia di colla a caldo all’interno.

La borsina è terminata e resta solo la decorazione per la quale potete sbizzarrivi come più vi piace decorando il lato frontale con fiocchi, bottoni, piccole pignette o bacche. Le mini shopping bag natalizie, si prestano benissimo per contenere regalini tipo saponette profumate, accessori da make up e profumi, vasetti gastronomici oppure possono contenere dei sacchettini di cellophane di tipo alimentare con biscotti, cioccolatini e dolcetti vari.

SCATOLA AD ALBERO

Questa scatola è ideale se volete “camuffare” in modo simpatico regali facilmente intuibili come i libri o i cd e giocare sull’effetto sorpresa.

Occorrente:

  • Cartoncino verde;
  • Bucatrice;
  • Righello, matita, forbici e colla;
  • Nastri in raso o altro materiale di vari colori;
  • Decorazioni a piacere.

Ritagliate dal cartoncino verde un rettangolo di dimensione almeno di base 35 cm e altezza sempre doppia della base, quindi in questo caso 70 cm.

Piegare il rettangolo a metà del alto lungo e segnare con una matita la metà di ciascun lato corto e piegare con l’aiuto di un righello le 4 diagonali.

Con la bucatrice effettuare quattro forellini come nell’immagine e ripiegare su se stessa la scatola in modo da chiuderla. Far passare il nastro attraverso i quattro fori e formare un fiocco grande.

Decorare a piacere con piccoli tondini colorati e incollarli come fossero palline, oppure decorare con stelline glitter.

SCATOLA AD ALBERO IN VERSIONE SMALL

La scatola descritta sopra può essere realizzata anche in dimensioni molto più piccole, con base del cartoncino di partenza di circa 10 cm e altezza 20 cm.

In questo modo si ottengono delle scatoline che si adattano perfettamente a regali di piccole dimensioni come gioielli, accessori per capelli o portachiavi.

Cambiando il colore del cartoncino, ad esempio scegliendo un bel rosso e con l’aiuto di piccole applicazioni, si ottengono dei simpatici segnaposti che rallegreranno la vostra tavola di Natale.

Vi sono piaciute le nostre idee? Vi aspettiamo per il prossimo post con altre idee per i vostri packaging creativi.

Author

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.