10 giochi da fare a casa con bambini da 2 a 5 anni | Mammeacrobate

In questo “strano” momento restare a casa significa anche intrattenere i nostri bambini e proporre loro giochi. I migliori per i bambini da 2 a 5 anni sono quelli più semplici perché non limitano la sperimentazione e la creatività.

Dai 2 anni iniziano a sviluppare la coordinazione, la motricità e il linguaggio. Il gioco diventa quindi un momento importante. Bisogna scegliere quello giusto che permetta ai piccoli di acquisire sempre più nuove competenze.

Vi diamo 10 idee, pratiche e divertenti per “prendere il bello” da questi giorni a casa.

Disegnare con farina e caffè

Per questo gioco occorrono fogli bianchi, colla, farina, bianca o gialla di mais e fondi di caffè (ma anche zucchero di canna, cereali… insomma quello che offre la vostra cucina). Disegnate con la colla sul foglio linee, cerchi e le forme che preferite. Spargete sopra uno degli elementi per coprire il disegno fatto e pressate con le manine. Non vi resta che sollevare il vostro foglio, facendo scivolare la farina o il caffè di troppo, ed ecco il vostro capolavoro pronto.

Sassi e colori

Colorate insieme ai bambini dei sassi, o conchiglie o altro che avete a casa, con le tempere. In un foglio bianco, disegnate dei cerchi con gli stessi colori dei sassi e fate riporre ai bambini ogni sasso nel cerchio del colore corrispondente.

Natura e pittura

Avete mai pensato di dipingere con… il rosmarino? E con gli ortaggi o la frutta? Prendete dei cartoncini bianchi o colorati e provate ad utilizzare un ramoscello di rosmarino per ricreare la neve utilizzandolo come timbrino da intingere nelle tempere. O mezzo limone o una carota per dare vita a fiori colorati. Potete prendere spunto da Rose nell’insalata di Munari e divertirvi a indovinare le forme nate dagli originali “timbrini”.

Gioco simbolico

Il gioco simbolico è tra i preferiti dei bambini dai 2 ai 5 anni, perché favorisce l’accesso al linguaggio. I più piccoli avranno bisogno di un adulto ma crescendo è un gioco che faranno anche da soli. Creiamo ambientazioni che possano piacere ai bimbi, come una cucina con piattini, tazzine, pentole o un safari con peluche di animali e una tenda di accampamento fatta con una coperta su due sedie. Invitiamoli a memorizzare i nomi degli oggetti o degli animali e a interagire, attraverso il racconto di storie. La loro fantasia sicuramente ci stupirà.

Pasta di sale

La pasta di sale è tra i giochi manuali che i bambini preferiscono perché danno sfogo alla propria creatività. Per preparare la pasta di sale è sufficiente mescolare semplici ingredienti: 1 bicchiere di sale, 2 bicchieri di farina, 1 bicchiere di acqua tiepida. Date vita alle forme che desiderate e una volta terminate, fatele asciugare per qualche ora e informatele a 80 C° in una teglia rivestita di carta da forno, controllando lo stato della cottura con uno stuzzicadenti.

Caccia al tesoro

Un gioco stimolante, divertente e apprezzato dai bambini che sono molto curiosi e amano esplorare. Stabilite un percorso che i piccoli possono fare con un punto di partenza, gli indizi che li portino negli altri punti (per esempio, per indicare il tavolo dite “sopra ci mangiamo tutti i giorni”) fino all’arrivo al tesoro finale, che può essere un cioccolatino o un piccolo regalino.

Il gioco delle trottole salterine

Disegnate su un telo impronte di piedoni rivolti in ogni direzione (su, giù, destra, sinistra) e di vari colori. Il bambino dovrà seguire il percorso e la direzione, e anche i colori suggeriti dall’adulto. Ai bambini più grandi potete suggerire anche di fare i passi di animali, quindi più marcati quelli dell’elefante o leggeri quelli del gatto o saltati quelli di un coniglio.

La scatola dei travestimenti

Tutti dovremmo avere un baule dei travestimenti da cui i bambini possano attingere per mascherarsi e creare storie e personaggi tutte le volte che lo desiderano. Con l’imitazione i piccoli imparano comportamenti e regole sociali divertendosi. Qualsiasi cosa va bene: una parrucca, un accessorio, un cappello, una vecchia camicia… e sicuramente tanta fantasia.

Il piccolo contadino

Se i vostri bambini hanno il pollice verde, perché non trasformare il nostro balcone o giardino in un orto in casa? Basta prediligere uno spazio accessibile, procurargli attrezzi adeguati come un piccolo annaffiatoio, paletti e rastrelli e scegliere piantine dalla crescita rapida e semplici da curare, come basilico, carote, fragole, prezzemolo, pomodorini e insalata. Quando fioriranno per i bambini sarà una grande realizzazione.

Iniziativa arcobaleno

Per lanciare un’ondata di positività, è partita oggi una bella iniziativa, dedicata principalmente ai nostri bambini e accolta già da tante famiglie. Coloriamo un arcobaleno su un cartellone o su un vecchio lenzuolo con la scritta “Andrà tutto bene” e appendiamolo su finestre, balconi o terrazze.