La dieta della Mamma Acrobata

Non appena una donna scopre di essere incinta si preoccupa di assumere tutti i nutrienti fondamentali per il suo benessere e quello del suo bambino.

Quando poi il piccolo nasce, la mamma si preoccupa di assumere le integrazioni necessarie per l’allattamento e, allo stesso tempo, di dare al neonato le vitamine importanti per la sua crescita.

Quando la mamma con mille acrobazie ritorna alla vita lavorativa si preoccupa di far crescere in salute il figlio; cura la sua alimentazione, la sua igiene personale, il suo corpo e il suo spirito… però la mamma che torna a lavorare spesso di dimentica di sé.

Presa dalla famiglia, dal suo nuovo ruolo, si dimentica di quanto anche lei abbia bisogno di importanti nutrienti per poter svolgere al meglio i suoi mille impegni.

Alcuni minerali e vitamine sono indispensabili per la donna per mantenere e/o recuperare il proprio stato di benessere.

Cosa non deve mai mancare nella dieta di una Mamma Acrobata?

Calcio

Il calcio è essenziale, fin dall’adolescenza, per la formazione delle ossa e lo è ancor più per la donna matura per mantenere la densità ossea nell’arco della vita. Quindi iniziare la giornata con una tazza di latte, magari parzialmente scremato, o spezzare la mattinata con uno yogurt magro sarebbe ottimale. Insieme al calcio, vitamina D e K sono importanti per un efficiente assorbimento del calcio, per mantenere una concentrazione fisiologica di calcio nel sangue, e quindi per la normale mineralizzazione delle ossa.

Ferro

Un’assunzione di ferro adeguata è necessaria per la formazione dei globuli rossi, per il trasporto dell’ossigeno nel sangue e per contribuire al metabolismo energetico. Le donne richiedono un’assunzione regolare di ferro per far fronte alle perdite dovute al ciclo mestruale che ritorna regolare dopo la gravidanza. Nonostante i possibili pranzi fuori casa, serve ricordare l’importanza del secondo piatto, magari unito alla pasta come piatto unico, includendo la carne almeno 3 volte la settimana.

Acido folico

Anche l’acido folico è utile, per il suo ruolo nella formazione dei globuli rossi ed il conseguente contributo alla riduzione di stanchezza e fatica. Per arricchire l’alimentazione in folati scegliere preferibilmente: asparagi, broccoli, carciofi, cavolini di Bruxelles, cavolfiori, cereali da colazione. Non dimenticare agrumi (arance, clementine, mandarini), bieta, legumi, kiwi, indivia, lattuga, frutta secca (noci, mandorle, nocciole), pane e pasta integrali, rucola, pomodorini, spinaci. Tra gli alimenti di origine animale le uova hanno buoni contenuti in folati il consumo massimo consigliato è di 2-3 uova alla settimana.

Vitamine

Molto importanti sono anche le vitamine del Il gruppo completo delle vitamine B (B1, B2, B6, B12, niacina e acido pantotenico), che aiutano a rilasciare energia dal cibo grazie al loro ruolo nel metabolismo di carboidrati, grassi e proteine alimentari. Carne, uova ma anche verdura e cereali non dovranno quindi mancare nell’alimentazione quotidiana.

Lo stress cui è sottoposta in alcuni momenti la donna, può provocare un danno ossidativo, aumentano i radicali liberi e l’organismo da solo può non riuscire a farvi fronte. La vitamina C contiene antiossidanti utili per aiutare l’organismo a proteggere i componenti delle cellule dal danno ossidativo. Antiossidanti come la Vitamina C ed anche la vitamina E hanno la capacità di neutralizzare i radicali liberi contribuendo a ridurre il rischio di danno ossidativo per le cellule del nostro corpo. Una buona spremuta, succo di limone per insaporire la carne (aumentando anche l’assorbimento del ferro che contiene) e olio di oliva a crudo per condire sono degli alleati importanti.

Il tempo potrebbe non essere mai sufficiente, le ore della giornata potrebbero non essere mai abbastanza, ma una sana alimentazione con un buon equilibrio tra i nutrienti è la base per il benessere della donna che lavora e quindi la base per poter poi affrontare al meglio la giornata.

Una buona colazione, veloce ma completa. Uno spuntino a metà mattina e metà pomeriggio (anche se mangiato alla scrivania). Un pranzo leggero, ma completo (carboidrati+proteine+ olio+verdura+frutta) e per finire una cena a tavola con la famiglia…non devono mai mancare!

photo credit: abodftyh via photopin cc

Author

Roberta Cattaneo, mamma di Giacomo e Matilde. Professione: DIETISTA. Possiamo imparare molto dai nostri figli, ed è per questo tra i vari settori che la mia professione abbraccia ho un debole per l'educazione alimentare dei più piccoli: quella giocosa dei laboratori del gusto, quella divertente delle storielle e indovinelli, quella gustosa dei mille assaggi.