WorkHer: un progetto dedicato all'occupazione femminile

10 milioni. È questo il numero di donne che potrebbero ancora lavorare in Italia a fronte dei 9,3 milioni di lavoratrici presenti oggi nel nostro Paese, pari a solo il 46% del totale. Numeri che ci danno da pensare e che ci ricordano che la piena occupazione, purtroppo, è ancora lontana.

Il numero di donne italiane che lavora, infatti, è tra i più bassi in Europa, senza poi considerare il quadro mondiale, che ci vede tra gli ultimi posti relativamente alla partecipazione socio-economica femminile.

Potremmo continuare con altri dati decisamente poco incoraggianti ma, quando parliamo di donne e lavoro, piuttosto che lamentarci di quello che manca, di sottolineare quanto ancora resta da fare,  preferiamo condividere le storie, i progetti di chi non si accontenta di aspettare che quello che non va miracolosamente si risolva,  ma che sceglie di impegnarsi e attivarsi per rivoluzionare le cose.

È il caso di WorkHer, un progetto nato da un’idea di Piano C,  il coworking che propone modelli organizzativi innovativi, e Network Comunicazione, un’agenzia milanese specializzata in contenuti e format multimediali, che anche grazie al sostegno di Intesa Sanpaolo –  supportati anche da Monster, Assolombarda, Women for Expo, Professional Women Association, Acta dal blog del Corriere della Sera La27esimaOra – hanno dato avvio a un progetto ambizioso che si prefigge di dare un importante contributo al raggiungimento della piena occupazione femminile.

workher

A poco più di una settimana dal lancio, il portale della campagna ha già raggiunto tantissime donne, pronte a fare rete e a mettersi in gioco in prima persona. Una rete per trovare contatti e progetti reali, un innovativo formativo  a misura di donna, che parte da uno strumento esclusivo di autovalutazione professionale.

Si tratta dell’EST (esplora-scegli-trasforma), un test sviluppato da un team di psicologhe del lavoro e sociologhe dell’Università Cattolica di Milano, utile per aiutarci a capire chi siamo e quali obiettivi vogliamo raggiungere nel lavoro, quali sono i nostri punti di forza e le debolezze su cui agire.

Sì, perché quello che ci manca spesso non è né la voglia né la capacità, quanto piuttosto – come sottolineato anche da Silvia Brena, Ceo di Network Comunicazione – le informazioni e gli  strumenti necessari per far fronte alle logiche del mercato del lavoro odierno, la visibilità e i contatti che servono e soprattutto la possibilità contare su una rete di supporto.

Cosa offre WorhHer alle donne?

  • un percorso formativo e informativo ricco di strumenti utili (notizie, tutorial, sportelli professionali);
  • un network di professionisti, manager, associazioni imprenditoriali a disposizione delle utenti, con cui interagire e ricevere consigli e supporto;
  • una vetrina virtuale utile sia per chi cerca occupazione, ma anche per le professioniste che vogliono offrire servizi e prodotti e far conoscere il proprio lavoro.

Un progetto che ci piace moltissimo e che ancora una volta ci convince del fatto che “l’unione fa la forza”…non è solo un proverbio!

photo credit: Portrait of a female executive via photopin (license) & WorkHer.it

Author

Acrobata per vocazione, una laurea in Lingue e Comunicazione, da oltre 10 anni mi divido tra le mie due grandi passioni: educazione e comunicazione, convinta che le due cose insieme possano fare la differenza. Da sempre in prima linea accanto ai bambini, agli adolescenti, alle mamme e ai papà, a scuola e in famiglia, ho lavorato e lavoro per diverse realtà del terzo settore occupandomi di diritti dei minori, cittadinanza attiva, intercultura, disabilità e fragilità sociale con l’obiettivo di contribuire a diffondere una cultura dell’infanzia e dell’adolescenza. Il mio sogno? Mettere al servizio dei genitori le mie competenze e professionalità, per supportarli nel loro ruolo educativo.