Viaggiare in gravidanza: cosa c'è da sapere?

Viaggiare in gravidanza è consentito? Spesso ci si pone questa domanda, spesso si ascoltano pareri contrastanti e ancor più spesso i falsi miti o le leggende metropolitane in materia non mancano di creare confusione.

Sì, è consentito e non solo, prese le dovute accortezze, potrete scegliere di viaggiare liberamente anche se in dolce attesa.
Alcune cose da sapere però ci sono, in modo da poter viaggiare sempre con serenità e non essere impreparate (lo stress non fa mai bene).

La prima regola che riguarda ogni viaggio voi andiate ad intraprendere, con ogni mezzo possibile è quella di portarvi dietro tutti i vostri documenti “di maternità” ovvero le cartelle cliniche con esami e referti medici di modo che per ogni evenienza e qualunque cosa possa succedere, il medico di turno abbia già chiara la vostra situazione senza dover fare nuovi esami.

Poi andando a indagare nello specifico…

Da sapere se si viaggia in auto

– prima di partire consultate sempre il vostro medico per essere certe che le condizioni attuali della vostra gravidanza non prevedano dei rischi di alcun tipo;

– sarebbe meglio evitare viaggi molto lunghi, ma se vengono fatti, semplicemente prevedete delle pause che vi permettano di muovervi durante il tragitto;

– la cintura di sicurezza può e deve essere utilizzata, e non va a creare alcun disagio, al contrario è stato dimostrato che le cinture salvano la vita, anche alle donne incinta. Semplicemente sistemate la cintura di modo che sia il più possibile confortevole cercando di tenere la pancia fuori dal passaggio della cintura anteriore;

buche e sobbalzi non creano controindicazioni che a livello medico vengano segnalate.

Da sapere se si viaggia in aereo

Qui invece, oltre a seguire alcune accortezze, serve anche essere maggiormente preparate, ma sfatiamo subito il falso mito che il viaggio in aereo sia più pericoloso perché non solo non è vero in termini statistici generali, ma non lo è neppure nel singolo caso.

Se per i viaggi brevi però le controindicazioni sono quasi inesistenti, da tenere ben presente le diverse problematiche se i viaggi sono lunghi o in Paesi di tipologie più rischiose.

vaccinazioni: ci sono alcune vaccinazioni che andrebbero evitate, mentre altre sono consentite. Non si possono scegliere quindi tutti i Paesi del mondo, magari, ma come sempre dovreste consultare il medico e le Asl stesse, per sapere se il posto che avete scelto (laddove è dall’altra parte del mondo) sia indicato o meno;

–  il periodo migliore in cui viaggiare va dal 3 mese fino a 7. Dopo il 7 mese serve vedere le diverse regole delle compagnie aeree e la vostra personale situazione. Tutte le compagnie aeree limitano il viaggio alle donne incinta a partire dalla 36 settimana, ma alcune compagnie a partire già dalla 28, richiedono un certificato medico che attesti il vostro stato di salute. Serve vedere il regolamento della compagnia che avete scelto prima di prenotare;

–  il rischio maggiore se si compie un viaggio lungo in aereo riguarda quello di carattere tromboeolico dovuto alle lunghe ore impiegate nella stessa posizione e alla pressione che nei voli va ad incidere sulla circolazione sanguigna, e questo avviene per tutti ma per le donne incinta serve prendere precauzioni maggiori. Se per tutti è indicato e consigliato bere tanta acqua, per le donne incinta i medici consigliano le calze contenitive per aiutare la circolazione (le stesse calze che vengono indossate anche dalle hostess di volo) e la necessità di spostarsi e cambiare posizione. Ogni due ore circa serve alzarsi e fare una breve passeggiata per 10 minuti per sgranchirsi le gambe e riattivare un po’ la circolazione;

– cercate inoltre di cambiare posizione di sovente e di allungare un po’ i muscoli anche quando siete sedute;

– le cinture di sicurezza vanno allacciate e potete farlo senza che questo crei problemi al bambino;

– oltre a consultare il vostro medico prima della partenza, sarebbe sicuramente importante e saggio prevedere una polizza assicurativa, nel caso in cui le condizioni di salute subissero variazioni in prossimità del viaggio. Nel caso specifico “Travel Cancel” di Allianz Global Assistance prevede la possibilità di annullare il viaggio 21 giorni prima della data di partenza, di modo che se le vostre condizioni di gravidanza hanno subito dei cambiamenti non andrete a perdere i soldi investiti per il vostro viaggio…

Ma semplicemente rimanderete la data.

Questo post è stato scritto grazie al supporto di Allianz Global Assistance 

Se state programmando un viaggio e state pensando di stipulare una copertura assicurativa, Allianz Global Assistance propone una ampia gamma di soluzioni adatte alle diverse necessità, che potrete scoprire  visitando l’area del sito Allianz-assistance.it dedicata ai viaggi e alle vacanze.

photo credit: daquellamanera via photopin cc

Author

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.