Litigare davanti ai figli è sempre sbagliato? 

Si dice sempre che litigare davanti ai figli è sbagliato ed in massima parte è vero, ma saper discutere in maniera rispettosa dell’Altro è educativo tanto quanto regalare ai propri figli l’esperienza di una vita familiare armoniosa.


Saper confrontarsi su posizioni, opinioni, visioni diverse, infatti, è una competenza necessaria nella vita visto che i conflitti ed i contrasti fanno parte delle dinamiche tra le persone, a scuola, sul posto di lavoro, nelle amicizie e nella coppia. E come tutte le competenze relazionali, si impara dai genitori anche la capacità di discutere e confrontarsi con l’Altro in maniera costruttiva e rispettosa, anziché distruttiva e svalutante.

Litigare davanti ai figli: 3 cose da non fare!

Discutere in presenza dei figli quindi, oltre che con i figli, può diventare una occasione educativa importante per loro, a patto che la si sappia gestire in maniera adulta, corretta e costruttiva, mettendo in pratica alcuni consigli:

  • confrontarsi su opinioni diverse senza cercare di sopraffare il compagno o a la compagna (magari interrompendolo o non permettendogli di finire ciò che sta dicendo) ma ascoltando la sua opinione e argomentando la nostra diversa visione delle cose;
  • attenzione alla rabbia: ci si può alterare, ma non abbandonarci ad una rabbia esplosiva, perché i figli apprendono da noi come gestire questa emozione e come esprimerla. Mostrarsi ripetutamente esplosivi nello sfogare la rabbia può portare o a comportamenti simili nei bambini o a sviluppare in loro il terrore del conflitto e della rabbia che può accendere nell’Altro;
  • assolutamente vietato offendere, usare parole denigratorie contro l’Altro o troncare il discorso magari sbattendo una porta o un oggetto: il conflitto deve avere il suo inizio, il suo svolgimento e la sua conclusione, che auspicabilmente sarà una riappacificazione in tempi brevi, in modo che i figli imparino che ci si può confrontare anche in maniera accesa su posizioni diverse, ma che poi si arriva ad un chiarimento ed il rapporto torna come prima.

litigare davanti ai figli 01

Insegnare ai nostri figli, attraverso l’esempio, che i conflitti esistono ma che possono essere gestiti in maniera costruttiva e nel rispetto dell’Altro è un’esperienza importantissima per loro.


Se ci rendiamo però conto che non siamo sempre in grado di condurre una discussione nei binari della correttezza e del rispetto dell’Altro, possiamo decidere di discutere solo di alcune cose si minore importanza davanti ai nostri figli, facendo valere per altri tipi di discussioni la tipica regola del “meglio non davanti ai figli”.

Perché oltre ad essere assolutamente diseducativo, litigare davanti ai figli furiosamente è per loro un trauma di notevole rilievo: quando sono testimoni di scoppi di rabbia incontrollati, offese verbali o addirittura aggressioni fisiche tra mamma e papà dentro di loro sedimenta un’esperienza di altissimo impatto emotivo che può portare a problemi emotivi e comportamentali nell’infanzia anche a lungo termine, soprattutto se questa esperienza viene ripetuta più volte nel tempo.

photo credit: kheinz – pixabay & iStock.com/Wavebreakmedia

 


Author

Psicologa e psicoterapeuta rogersiana, da diversi anni ho iniziato a lavorare con i neogenitori sia diventando insegnante di massaggio infantile, sia conducendo gruppi per genitori sull’educazione emotiva e su vari argomenti legati all’educazione e all’accudimento dei bambini, dalla nascita all’adolescenza. Sono profondamente convinta che sostenere i genitori nelle scelte educative, informare, spiegare, ma soprattutto ascoltare e accogliere dubbi, domande, fragilità, sia la strada più importante per promuovere il benessere dei nostri bambini e prevenire il crescente disagio infantile e adolescenziale. Nel mio lavoro porto la mia professionalità, ma anche la mia esperienza con i miei tre figli, gli errori fatti, i dubbi vissuti, le battaglie vinte. Perché non si può pensare di aiutare i genitori se ci si erge su un trono, ma solo se si condividono esperienze, fatiche, paure e soddisfazioni. Sito web: www.sentieridicrescita.com Facebook: https://www.facebook.com/pages/Sentieri-di-Crescita/ 653600438012603