5 libri da leggere in gravidanza

0

9 mesi, 40 lunghe settimane (e se non avete ancora ben chiaro questo concetto delle settimane, trovate qui consigli utili su come calcolare la durata della gravidanza),tanto tempo per voi, per preparare il “nido”, per fare baby-shopping e per annoiarvi, pure!

Se poi vogliamo parlare anche della ricorrente insonnia che colpisce le donne in dolce attesa, capite bene che qualche consiglio per impegnare il tempo in gravidanza torna sempre utile. Uno dei migliori passatempi, di sempre, è sicuramente la lettura di un buon libro. Se poi uniamo l’utile al dilettevole e troviamo anche qualche titolo che ci “prepari” a quello che verrà poi…

5 libri da leggere in gravidanza

Per tenervi compagnia durante i 9 mesi di attesa. 

Mamme prêt-à-porter: Gravidanza

di Giulia Mandrino – Monica Contiero, edito da Mental Fitness Publishing

Giulia Mandrino è la presidentessa dell’associazione Mamme prêt-à-porter di Seregno nonché operatrice Massaggio Ayurvedico, insegnante di Massaggio Infantile Shantala, Naturopata, operatrice di Baby Yoga, mentre Monica Contiero è psicologa clinica e psicologa infantile. Due donne che insieme sono una garanzia e che hanno pensato di raccogliere in questo manuale pratici consigli, informazioni e idee per vivere una gravidanza serena, togliersi un po’ di dubbi e affrontarla all’insegno della naturalità e della felicità.

“Questo libro parte da una grande ambizione: cercare di rispondere alle domande concrete che le mamme si pongono durante la gravidanza e sfatare i falsi miti, travestiti da buoni consigli, di zia Ignazia.
Informazioni chiare e precise, dunque, oltre a riflessioni e indicazioni degli esperti: medici, nutrizionisti, agopunturisti e personal-trainers. Consigli sull’alimentazione e l’allattamento, sugli esami da fare e sull’organizzazione pratica di tempi e spazi post-nascita: dal fasciatoio alla cameretta.”

A mio modesto parere, ci sono riuscite. Il libro è ben fatto, chiaro e scorrevole, preciso e rassicurante.
E dopo la gravidanza, Giulia e Monica ci accompagnano anche lungo i primi mesi del neonato e del nostro essere genitori con il seguito Mamme prêt-à-porter: Il primo anno

 

 

 

Il linguaggio segreto dei neonati

di Tracy Hogg, edito da Mondadori

Questo libro è un classico, un evergreen che ogni mamma dovrebbe leggere. Non perché contenga delle verità assolute, questo no, ma perché con linguaggio semplice e chiaro accompagna la mamma attraverso i primi mesi della vita di un neonato analizzando e descrivendo alcune fasi tipiche e soprattutto, cercando di dare consigli e suggerimento alla neomamma per la gestione quotidiana del bebè. Il metodo EASY (Eat, Activity, Sleep, You) descrive momenti e attività ciclici che caratterizzano i primi mesi del neonato e che, conoscendoli e assecondandoli, aiutano la mamma a gestire e comprendere al meglio le esigenze del suo bambino.

Personalmente ho trovato questo libro molto rasserenante e l’ho poi regalato a tutte le mie amiche in dolce attesa. Ne parlai già anche qualche anno fa in questa recensione

 

 

Guarda che è normale! Siamo tutte supermamme

di Silvia Gianatti – edito da Leggereditore

Già un libro che si rivolge alle (future) mamme dicendo “Guarda che è normale” merita di essere letto. Perché la maternità non è una passeggiata, perché certe volte ti prende un’ansia assurda e mille dubbi, perché se ascolti tutti quelli che hai intorno poi ti sembra che il cervello finisca in un frullatore e invece che un aiuto ti ritrovi ancor più in confusione. “Guarda che è normale” è stato scritto da una mamma, Silvia Gianatti – scrittrice, sceneggiatrice e giornalista – che partendo dalla sua esperienza personale ha provato a dare consigli pratici alle future e neomamme, sfatando anche qualche vecchio mito e strappando numerosi sorrisi. Alla fine non lo so se davvero “siamo tutte supermamme”, ma so per certo che facciamo tutte del nostro meglio, sempre! E questo libro ti aiuta, anche con il parere di qualche esperto, a superare gli scogli dei primi mesi da mamma. 

 

 

 

Amarli senza se e senza ma. Dalla logica dei premi e delle punizioni a quella dell’amore e della ragione

di Alfie Kohn – edito da Il Leone Verde

Il sottotitolo svela subito il tipo di libro che si ha davanti e in un’unica frase ti mette davanti a due concetti principali per un genitore: amore e ragione (intesa come ragionamento, non come Ho ragione io in quanto genitore). Decidere in che modo rapportarsi al proprio figlio e con quali strumenti indirizzarlo, educarlo, aiutarlo a crescere non è cosa semplice e un buon libro che suggerisce un “metodo”, una strada, è sempre utile per un futuro genitore, anche solo come spunto.

In questo libro la strada suggerita, è facile capirlo, si basa su quello che viene chiamato rinforzo positivo e che rappresenta l’alternativa a sistemi quali punizione/premio, castigo, time out. Il concetto è di non imporre nulla ma di “lavorare con loro” per aiutarli a soddisfare i propri bisogni e accompagnarli nella crescita. Quindi non imposizione, ma collaborazione.

Beh, di certo leggendo scoprirete punti di vista che forse nemmeno avevate preso in considerazione. Io ovviamente ve lo consiglio!

 

I love shopping per il baby

di Sophie Kinsella – edito da Mondadori

E infine, in attesa dell’arrivo del bebé, consigliatissimo immergersi in un classico divertente e leggero come questo romanzo della Kinsella. Becky Bloomwood, la protagonista della saga di I love Shopping, è ormai diventata personal shopper in un elegante negozio londinese ed è felicemente incinta. Ma tra rimedi alternativi alle nausee in gravidanza e una ginecologa che si rivela una vecchia fiamma di suo marito Luke, saranno 9 mesi di imprevisti, malintesi e siparietti divertenti. Assolutamente consigliato, per farsi due risate e scacciare l’insonnia in gravidanza.

 

 

 

E per i papà?

Un libro anche per i papà non vogliamo leggerlo? Ovviamente insieme a loro!

Io vi consiglio il divertente Mo’ te lo spiego a papà. La sfida quotidiana di un papà alle prese con le domande difficili dei suoi figli di Francesco Uccello (edito da Tea). Un libro per aiutare subito (ed in tempo) i papà a calarsi nel ruolo di genitori ed educatori, e perché no, anche di coloro che un domani dovranno cercare di rispondere alle mille (e a volte complicate) domande dei loro bambini!
Perché non esistono solo le mamme acrobate, certo che no, i papà in acrobazie sono bravissimi!

mo te lo spiego a papà

 

Buona lettura!

 

 

TI POTREBBERO INTERESSARE:

Diritto d’autore: wavebreakmediamicro / 123RF Archivio Fotografico


Autore del post

Digital Lover e socialmediaholic, da sempre web addicted e dal 2007 anche mamma (acrobata) di Arianna e dal 2012 di Micol.
Mammeacrobate è la mia terza creatura!
Qualcosa di me la trovi anche qui www.manuelacervetti.com