Giochiamo con le emozioni! 4 giochi per grandi e piccoli

Eccoci al secondo appuntamento con Raffaele Costi di ImparareGiocando.com che ci racconta di come sia possibile esplorare il mondo delle emozioni, aiutando i bambini a conoscerle e comprenderle attraverso il gioco, con attività  pensate soprattutto per i bambini più piccoli (1-2-3 anni di età), ma interessanti anche per quelli più grandi. Scopriamo in questo articolo alcune attività più specifiche e adatte a bambini di età superiore ai 4 anni, giochi che si prestano ad essere auto-costruiti in famiglia, creando connessione e complicità!

Il Gioco del Camaleonte

Il Gioco del Camaleonte è davvero una bella attività da svolgere in famiglia con i nostri figli per connetterci gli uni con gli altri e condividere emozioni.

Questo gioco da tavolo lo possiamo acquistare o, come ho fatto io, scaricare da internet per poi stamparlo. È composto da:

  • una racconto da leggere tutti insieme come introduzione al gioco ed alle emozioni;
  • le istruzioni per giocare;
  • un tabellone;
  • 36 carte da gioco “bambini”;
  • 36 carte da gioco “genitori”;
  • 64 carte da gioco “camaleonte”;
  • se abbiamo scaricato il gioco da internet, dobbiamo procurarci 1 dado e una pedina per ciascun giocatore

La dinamica di gioco è quella del gioco dell’oca ma la grande differenza è che non vince chi arriva prima in fondo al percorso: il gioco finisce infatti quando tutti raggiungono l’arrivo, festeggiati da tutti gli altri.

Durante tutto il percorso tutti i partecipanti della famiglia, adulti e bambini, saranno stimolati a condividere le personali emozioni con gli altri.

L’Emozione in Scena

giochi emozioni famiglia 01
https://it.dollarphotoclub.com/Info/RoyaltyFreeLicense

Per preparare questo gioco è necessario avere a disposizione Le Carte delle Emozioni, ossia delle carte che rappresentano le 6 emozioni di base:

  • rabbia
  • disgusto
  • tristezza
  • felicità
  • sorpresa
  • paura

Possiamo divertirci a realizzarle insieme ai bambini, un vero e proprio gioco nel gioco:

  • ritagliando 18 grosse tessere (10cmx15cm) di cartone;
  • ricercando su riviste e giornali l’espressione di persone che provano queste emozioni;
  • una volta trovate 3 immagini per ciascuna delle 6 emozioni, le incollate sui cartoncini.

In alternativa possiamo:

Con Le Carte delle Emozioni a disposizione possiamo iniziare il gioco L’Emozione in Scena con tutta la famiglia:

  • disponiamo il mazzo sul tavolo in modo che le immagini non siano visibili;
  • a turno ogni giocatore pesca una carta senza far vedere a quale emozione è associata;
  • il giocatore quindi mette in scena una situazione realmente accaduta a lui o alla famiglia associabile all’emozione rappresentata sulla carta (senza poter nominare direttamente l’emozione o farla capire con gesti espliciti);
  • gli altri giocatori cercano di indovinare l’emozione prevalente nella scena a cui stanno assistendo;
  • vince il giocatore che riesce a far indovinare l’emozione a più persone.

Possiamo proporre anche queste varianti del gioco:

  • se siamo in 4 o più a giocare, ci possiamo dividere in due squadre: a turno un giocatore di una squadra cerca di far indovinare un’emozione agli altri compagni e si assegna un punto ogni volta che una squadra ha indovinato l’emozione messa in scena dal compagno di squadra;
  • invece di rappresentare la situazione, per far indovinare l’emozione sulla carta il giocatore può in alternativa disegnare l’emozione oppure mimare con la faccia o con tutto il corpo l’emozione.

Il Bingo delle Emozioni

giochi emozioni famiglia 02

Per giocare al Bingo delle Emozioni abbiamo bisogno di:

  • carta e penna
  • qualcosa per segnare le caselle, come quando si gioca a tombola a Natale (bucce di frutta, fagioli, pastina)

Per prima cosa costruiamo i tabelloni, tanti quanti sono i partecipanti al gioco:

  • disegniamo su un foglio A4 un reticolo 5×5;
  • scriviamo in ogni casella una emozione insieme a tuo figlio;
  • prepariamo tanti di questi tabelloni quanti sono i giocatori;
  • in alternativa stampiamo direttamente il tabellone del Bingo delle Emozioni già pronto.

Una volta preparati i tabelloni, tutta la famiglia può iniziare a giocare:

  • ogni giocatore pensa a 5 situazioni in cui si è trovato nell’ultima settimana ed ha provato una specifica emozione e riporta queste situazioni su un foglietto di carta, senza scrivere l’emozione ad essa associata:
  • accartocciamo tutti i foglietti e posizionateli al centro del tavolo;
  • distribuiamo quindi un tabellone a giocatore ed assicuriamoci che ci siano i gettoni per segnare le caselle;
  • un giocatore a turno prende a caso uno dei foglietti accartocciati e lo legge;
  • ciascun giocatore contrassegna con un gettone la casella del tabellone dove è riportata l’emozione che più associa alla situazione descritta sul foglietto;
  • chi riesce a disporre 5 gettoni consecutivi in riga, in colonna o in diagonale fa Bingo e vince il gioco.

La Pesca delle Emozioni

Per giocare a La Pesca delle Emozioni, seguiamo le regole del gioco Go fish! ma utilizzando Le Carte delle Emozioni.


Le Carte delle Emozioni le possiamo costruire da soli, come già spiegato per il gioco Le Emozioni in Scena, aumentando però il numero di carte andando a:

  • aggiungere ulteriori 6 emozioni oltre alle 6 emozioni di base;
  • creare in tutto 4 carte per ogni singola emozione, ottenendo in totale 48 carte;
  • in alternativa stampare su cartoncino e ritagliare le Carte delle Emozioni di HomeMadeMamma in modo da ottenere sempre 48 carte;

Per giocare seguiamo quindi queste regole:

  • distribuiamo 5 carte per giocatore, sparpagliando le restanti carte coperte al centro del tavolo a formare una specie di laghetto;
  • inizia il giocatore A con meno anni e chiede ad un altro giocatore B a scelta tutte le carte che possiede di una specifica emozione (es. “Dammi la gioia!”): se il giocatore B ha le carte di quella specifica emozione le passa al giocatore A, se invece il giocatore B non ha carte di quell’emozione, risponde “Pesca un’emozione!”  e il giocatore A prende una carta tra quelle coperte al centro del tavolo;
  • se il giocatore A ha collezionato 4 carte di una certa emozione le mette sul tavolo scoperte e per conquistare un punto deve raccontare un episodio in cui ha provato quella specifica emozione;
  • poi il turno passa al giocatore B che procede come il giocatore A e così via fino a che non sono state messe a terra scoperte tutte le carte;

Conclusioni

“Se riesci a tradurre in parole ciò che senti, ti appartiene.”
Daniel Goleman

A casa mia  ho verificato che fa davvero la differenza per una buona riuscita nei  giochi che vi ho proposto (e in realtà sempre quando gioco con loro):

  • il mio esempio nel condividere emozioni autentiche;
  • mostrarmi accogliente nei confronti delle emozioni che esprimono o vogliono esprimere.

Quando assumo questi atteggiamenti nel gioco, mi riesce facile creare una grande connessione e confidenza con loro e riesco a capire quei loro bisogni che magari non riescono ad esprimere in altre occasioni:

  • chi ha bisogno di essere rassicurato che è amato come l’altro fratello;
  • chi ha bisogno di una parola o gesto di incoraggiamento perché si sente poco all’altezza in una situazione;
  • chi magari ha bisogno di gridare tutta la sua rabbia per un ingiustizia ricevuta;
  • chi ha bisogno solo di divertirsi.

I bambini hanno meno filtri di noi adulti quando si esprimono e giocando cadono anche queste piccole-grandi barriere: allora la comunicazione delle loro emozioni diventa ancora più semplice, chiara e diretta.

Noi non vediamo l’ora di provarli con i nostri bambini!

Per approfondire

Il Gioco del Camaleonte: sito web dove comprarlo o scaricarlo a questo link: http://dfa-blog.supsi.ch/chiamalemozioni/gioco-di-societa/

Le emozioni in scena: libro QAF. Quoziente autostima famigliare. Accrescere e potenziare l’autostima giocando insieme in famiglia di A. Pellai: a pag. 131 trovate le istruzioni di base per questo gioco. Vi consiglio però tutto il libro perché è pieno di giochi da fare in famiglia per conoscersi, confrontarsi e crescere insieme.

Il Bingo delle Emozioni: libro Giochi e attività sulle emozioni di M. Di Pietro e M. Dacomo dove trovare questo gioco e tanti altre proposte sulle emozioni

La Pesca delle Emozioni: articolo in inglese da cui ho ripreso l’idea di questa attività che descrive altri giochi interessanti sulle emozioni: Playful Activities to Help Kids Learn about Feelings

 

cover photo credit: pixabay


Author

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.