Cose da fare nel terzo trimestre di gravidanza

Abbiamo riso e scherzato ma qua la cosa si fa seria. Sono entrata, devo dire da un po’, nel terzo trimestre di gravidanza.

Le prime settimane del terzo trimestre non le percepisci tanto diverse dal secondo. Ancora sballonzoli in giro, ti crogioli con il tuo pancione che c’è ma non è esagerato, ti fai cedere il posto in autobus o litighi per fartelo cedere, vai a fare un aperitivo analcolico, ridendo sul quanto ti manca l’alcol, lavori con un gran sorriso e tutto ti sembra possa andare bene.

Poi un giorno ti svegli. Potresti essere alle 32 settimana, come alla 35esima e il tuo corpo non risponde come dovrebbe.
Ti è venuto uno dolore allucinante al nervo sciatico, per esempio. O la pubalgia ti impedisce di girarti da destra a sinistra nel letto. Fai quattro gradini per entrare in ufficio e ti viene il fiatone. Dopo un’ora di lavoro già non ce la fai più.
Ecco, quel giorno è il vero passaggio al terzo trimestre.

Io sono a 34 e qualcosa e ci sono entrata in pieno. Non entro nei dettagli dei miei disturbi ma purtroppo ho difficoltà a darvi consigli.
Sono molto stanca in questi giorni e non riesco neanche bene a pensare a cosa fare per “godermi” questo periodo.

Cosa si dovrebbe fare? Un corso preparto? Una vacanza?

Onestamente non lo so.

Ecco le cinque cose che mi vengono in mente da condividere con voi:

1) La prima considerazione forse andava fatta nella sezione preconcepimento: ad un certo punto voi dovreste andare in maternità. Maternità significa stare sul divano a guardare Uomini e Donne, uscire di casa per andare a mangiare un gelato, leggere un libro stupido tipo Sophie Kinsella etc etc.
Non, essere freelance, firmare per una maternità che non sai quando ti daranno mai, e continuare a lavorare come delle pazze, o provare a farlo con scarsi risultati!
Certo, c’è la crisi, che fai rifiuti i lavori? No certo.
Che fai, esci dal mercato del lavoro? No, sarai matta!
Che fai??
Non so come, ma trovate il modo di fermarvi. Già mentre state decidendo di non mettere il preservativo quella sera d’estate pensate un momento che dovrete fermarvi, che ci sarà un mese in cui dovrete starvene solo a pensare al parto, alla cameretta, al corredino etc etc. Vi sembrerà banale, squallido, triste, noioso, impossibile. Ma è così.
E magari non lo farete, perché sarete in gran forma, ma sarà una scelta. Che potrete prendere o non prendere anche solo in base a quanto avrete dormito di notte.

2) La seconda è più facile: preparate quella benedetta borsa! Anzi, Sabina, prepara quella benedetta borsa!!!

3) Abbandonate l’idea di depilazione fai da te. Io non mi vedo i piedi, figuriamoci il resto. Per quanto acrobate, giocare alle equilibriste nella doccia non è il massimo!

4) Rassegnatevi ai vestiti premaman. Non sono tutti orrendi, non vi faranno sembrare una balena (almeno non tutti!) e oramai sono necessari!

5) Trovatevi un scacciapensieri. Il “problema” dell’ultimo trimestre è che non avrete voglia di fare nulla. Credetemi. Ad un certo punto il cervello si spegne e vi passa proprio la voglia! Quindi serve avere qualcosa che faccia passare il tempo e che non via faccia soprattutto pensare a quello che dovreste fare.
Va bene qualsiasi cosa, fare la maglia, guardare le serie tv, giocare a candy crash, pinnare cose su pinterest in maniera compulsiva, leggere.

Questa volte non vi ho dato dei grandi consigli… Ne avete voi per me?

 

Potete acquistare questo e altri divertenti Belly Stickers qui

 

Author

Sono una – quasi - donna con un bambino di sei anni e una seconda cosina appena nata. Più tante, troppe, passioni: dall’uncinetto alla illuminotecnica! Non è facile coltivarle tutte e infatti non lo faccio, ma internet mi aiuta a sopperire alla mancanza di tempo e di energie: tutto quello che mi piace lo trovo in rete ed è in rete che trovate me, Castagnamatta.