Storia di Natale #7: La stella del buon cuore | Mammeacrobate

Calendario dell’Avvento di Mamme Acrobate, ecco la storia di Natale del 7 dicembre che potrai leggere insieme al tuo bambino! 

La stella del buon cuore 

C’era una volta, in un paese lontano lontano, un piccolo Elfo. Viveva nella bellissima città di Elfilandia, piena di stradine innevate, lucine accese e cioccolate calde con panna per tutti. Aveva molti amici Elfi e una bella famiglia Elfa che gli voleva bene e con cui faceva molte cose: costruivano regali, li impacchettavano e li spedivano, seguendo i consigli del re di Elfilandia, Babbo Natale.

Elfo però non sapeva a chi andavano quei bellissimi regali. Ricevevano molte lettere, è vero, dai bambini di di Bambinilandia, una terra sconosciuta al di là delle montagne innevate. Conosceva i nomi di ognuno di loro, sapeva se erano stati bravi o monelli, se potevano ricevere tutto ciò che chiedevano o se era meglio che imparassero prima ad essere più buoni. Insomma sapeva tutto ciò che i bravi Aiutanti di Babbo Natale sanno e hanno sempre saputo. Ma Elfo era un elfetto particolarmente curioso, e lui passava le sere ad immaginare i volti, le espressioni, i sorrisi di tutti quei bimbi. Avrebbe fatto qualunque cosa per poterne conoscere almeno uno, per scoprire com’erano fatti, sentire la loro voce.

Un giorno ad Elfilandia arrivò una lettera speciale. Era la lettera di una piccola bimba molto dolce e gentile, che per il suo Natale aveva deciso di chiedere un regalo particolare: quello che desiderava più di ogni altra cosa era di rendere felici dei bambini tristi e sfortunati, che avrebbero trascorso la notte di Natale senza sorridere perché poveri, o malati, o soli, o tutte queste cose insieme. Non era un regalo facile: non c’era nulla da costruire. Nessun gioco da inventare, nessuna bambola da pettinare. Tutta Elfilandia cominciò a pensare a come fare ad esaudire quel desiderio. Babbo Natale era preoccupato, perché ci teneva davvero tanto.
Pensa che ti ripensa, ad Elfo venne in mente una splendida idea. Andò di corsa da Babbo Natale ma gli chiese, prima, di poter avere un regalo in cambio della sua idea: poter andare a trovare quei bimbi che tanto desiderava conoscere. Babbo Natale subito accettò, e quando sentì la soluzione di Elfo fece una gran risata delle sue – oh,oh,oh! – e batté le mani, felice.

Così se la notte di Natale, guardando il cielo, vedrete una stella brillare più delle altre, ora lo sapete. Quella stella è il regalo di Elfo e di Elfilandia a tutti i bambini poveri, o malati, o soli. E’ la speranza per loro di esser felici, ed è l’invito per tutti a far qualcosa per loro. E’ la stella cometa del buon cuore, che è il regalo più importante del Natale, per tutti, grandi e piccini.

E se quando andrete a dormire, quella notte, sentirete dei frusci, e come un leggero venticello sulle guance, non vi preoccupate: è il piccolo Elfo, che da quella volta ogni Natale va a trovare tutti i bimbi, e chiacchiera con loro durante sogni bellissimi pieni di neve e profumo di cioccolata calda.

Storia scritta da Valentina, blogger di CappuccioeCornetto 

LEGGI I NOSTRI ARTICOLI DEDICATI AL NATALE

Diritto d’autore: alexraths / 123RF Archivio Fotografico

Author

Digital Lover e socialmediaholic, da sempre web addicted e dal 2007 anche mamma (acrobata) di Arianna e dal 2012 di Micol. Mammeacrobate è la mia terza creatura! Qualcosa di me la trovi anche qui www.manuelacervetti.com