Natale oggi: un altro tipo di doni

Il mio nipotino – 7 anni, seconda elementare – è arrivato a casa da scuola con la poesia di Natale da studiare a memoria e, forse, da recitare in famiglia il giorno di Natale.

Questa è la poesia:

Natale oggi!
di Augusto Torre

 Le luci variopinte,
nei negozi
battono strade illuminate
al neon,
sovraffollate.
La gente ha fretta
non può stare
un minuto a pensare
ad ascoltare il cuore.
“Per mamma questo
e quest’altro per il nonno,
un pacchetto modesto
per il tale
così sarà contento
il giorno di Natale”.
È  tutto bene in mostra,
già scelto
impacchettato,
infiocchettato,
così bene,ch’è peccato
aprirlo, e lo si acquista
così confezionato.
Che ci sarà?
Doppia sorpresa: a chi lo riceve,
a chi lo dà.

Non voglio entrare nel merito del contenuto di questa poesia che, forse (e sottolineo forse), vuole dimostrare criticamente come oggi “la gente non può stare un minuto a pensare, ad ascoltare il cuore”, mi chiedo semplicemente se è in questo modo che dobbiamo presentare il Natale a bambini di 7 anni. Non sarebbe stato meglio parlare di amore, di condivisione, di pace, di carità?

Madre Teresa, nella sua poesia sul Natale, dice:

È  Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano.  

Questa idea di Natale non sarebbe più semplice da capire per i nostri bambini?

Author