I giocattoli dei bambini? Da Lilliputiens li disegnano le mamme!

Ci piace raccontare storie di passioni che si sono trasformate in progetti concreti, soprattutto se al femminile, sogni capaci di dare vita cose belle,  come quello che vogliamo condividere con voi oggi.

Si tratta della storia di Lilliputiens, un brand belga nato dalla creatività di due amiche che hanno messo al centro del proprio lavoro i bambini e la loro voglia di conoscere ed esplorare, specializzandosi nella realizzazione di giocattoli per i più piccoli e ideando una vasta gamma di prodotti dalle più diverse sfaccettature, accomunati però dal desiderio di accompagnare i più piccoli attraverso le varie fasi del loro sviluppo, offrendo la possibilità di scoprire cose nuove ogni giorno.

Un’azienda che negli anni è andata alla ricerca di nuove idee a misura di bambino, di giochi all’avanguardia pensati da un team creativo davvero speciale composto da mamme!

Oggi qui con noi abbiamo una di loro, con la quale abbiamo fatto una chiacchierata per conoscere meglio questo bel progetto…

Come nasce Lilliputiens e quali prodotti offre?

Nel 1995, mentre vivevano a Singapore, due amiche rimangono colpite da alcuni libri e i giocattoli in tessuto che hanno modo di conoscere. Decidono di esportare l’idea e di fondare un’attività di questo tipo in Belgio…così nasce Les Lilliputiens.

Tornate in Belgio ordinano una loro gamma di giocattoli dal paese asiatico, mettono in piedi un ufficio domestico e cominciano ad accumulare giocattoli, che giorno dopo giorno diventano così tanti da occupare ogni stanza!

Iniziano a contattare asili e scuole – incontrando un immediato interesse da parte degli insegnanti – e varie dimostrazioni per farsi conoscere, con un successo sorprendente.

Poco a poco, si approcciano ai negozi di giocattoli specializzati, per convincere le persone sul futuro dei soft toys. I prodotti vengono accolti con entusiasmo e gli ordini iniziano ad arrivare numerosi. L’attività  cresce in fretta, tanto da necessitare di un aiuto professionale, quello di Dominique Vanderpoorten, ancora oggi General Manager di Lilliputiens. Ci si è concentrati sui prodotti, che hanno vissuto una vera trasformazione, con un’attenzione particolare alle caratteristiche ludiche ed educative.

giocattoli-lilliputiens-circus

Due giovani designer, ancora oggi parte del team , si sono poi unite alla squadra portando la loro creatività e le loro idee e soprattutto, creando un tocco tipico che si può riconoscere nei prodotti di Lilliputiens. La nostra società ha raggiunto livelli sempre più professionali e la rete di vendita internazionale si è estesa notevolmente. Les Lilliputiens diventa così Lilliputiens al fine di raggiungere i mercati esteri.

I nostri prodotti chiave rimangono soft toys arricchiti da un “tocco di meraviglia”! In ogni giocattolo, infatti, non mancano colori vivaci, diversi tessuti e tante piccole cose da scoprire: campanelli, sonagli, anelli da dentizione, specchi! Da alcuni anni poi, abbiamo sviluppato anche una serie di giochi e libri in cartone, una linea di prodotti per la cura dei più piccoli, per gli spostamenti e i viaggi ma anche per andare a scuola,come borse, sacchi a pelo e tappeti da gioco.

giocattoli-lilliputiens-jef

Lilliputiens ora si avvale di più di 30 persone e conta più di 20 mascotte, come il pollo Ophélie, il drago Walter, l’elfo Liz, il cane Jef… protagonisti delle nostre collezioni, a cui oggi  lavorano cinque designer.

Gli aspetti creativi sono curati da un gruppo di mamme, ci racconti qualcosa in più di voi?

Siamo una squadra di 5 giovani donne, 3 delle quali sono mamme,  anche se tutte noi ideiamo e progettiamo i giocattoli,  che vengono  “testati “ direttamente dai bambini per primi.

La maggior parte di noi sono illustratrici e questo spiega in parte lo stile di Lilliputiens. Ma questa è anche la più grande sfida…sempre alla ricerca di precisione e attenzione ai dettagli, cercando di combinare simpatici personaggi con interessanti attività e nuovi modelli.

Abbiamo background molto diversi , 2 di noi si sono unite a Lilliputiens subito dopo aver finito  la scuola, siamo cresciute con l’azienda e abbiamo contribuito alla sua evoluzione. Una di noi ha lavorato in un’agenzia pubblicitaria, un’altra per una  società specializzata nella produzione di mobili per bambini negli spazi pubblici. Siamo tutte diverse, ma accomunate dalla stessa passione!

Come trovate le idee per le vostre creazioni? I vostri bambini sono una fonte di ispirazione?

Certamente i bambini (e non solo i nostri) sono la nostra fonte di ispirazione! Abbiamo molti contatti con i servizi per l’infanzia, come gli asili, e questo ci permette di ampliare il nostro orizzonte come mamme e di essere informate su tutte le nuove teorie.

Ma naturalmente abbiamo bisogno anche di aggiungere un po’ di divertimento all’aspetto educativo, cercando  idee su colori e modelli in ogni tipo di moda e tendenza. Ogni particolare è studiato sin dalle prime fasi della creazione. Ogni giocattolo racconta una storia, che viene valorizzata dalla nostra collaborazione e il lavorare in gruppo.

giocattoli-lilliputiens-marcel

Si tratta di un passatempo o di un vero e proprio lavoro?

Un passatempo naturalmente! Anche se a volte è difficile tracciare un confine tra hobby e lavoro, come tra vita reale e professionale.Quando ci capita di vedere neonati e bambini piccoli, infatti, non perdiamo occasione di osservarli per capire quali sono i loro interessi. È un mondo davvero affascinante! Tutte noi poi abbiamo qualche altro hobby creativo, alcune il disegno, altre il fumetto,  la ceramica o il cucito…

Grazie a queste Wonder Mamme per averci raccontato la loro bella storia, un team capace davvero di dare un tocco di magia al mondo dei giocattoli!

photo credit: Lilliputiens

Author

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.