Dai banchi delle elementari alle scuole medie: i consigli di Parentsmile per gestire al meglio il dialogo in famiglia - Mammeacrobate

Il passaggio dai banchi delle elementari a quelli delle medie può essere delicato e, spesso, i genitori non sanno bene come gestire e vivere il momento insieme al proprio bambino. Per questo motivo Parentsmile, la prima piattaforma europea per il supporto e il benessere a domicilio di tutta la famiglia, offre la possibilità di prenotare una consulenza o videoconsulto con figure specializzate e selezionate accuratamente per affiancare i genitori anche in questa fase di cambiamento.


“Ogni ingresso sociale è per l’individuo un momento delicato della vita. Un momento nel quale la persona sperimenta non solo emozioni nuove, ma anche modi di fare e di pensare che, probabilmente, prima non aveva mai sperimentato” dichiara la Dott.ssa Maria Chiara Iannelli, pedagogista – selezionata accuratamente da Parentsmile – specializzata nei disturbi dell’apprendimento e nell’età evolutiva.

Dalle elementari alle medie, cosa cambia?

Il bambino farà il suo ingresso in un nuovo ambiente scolastico, si confronterà con nuove amicizie e figure di riferimento con stili educativi più distaccati rispetto a quelle della scuola elementare.
Non pochi, dunque, i cambiamenti e questo vale sia per i figli che per i genitori che, oggi, sono sempre più preoccupati visto l’aumento di condotte come il cyberbullismo, delle baby gang e dei drop out scolastici tanto da non sapere come relazionarsi e confrontarsi con il proprio figlio su queste tematiche.
In aggiunta, l’indagine del Centro Nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza, pubblicata nel Febbraio 2022, riporta che l’88% degli adolescenti intervistati afferma di sentirsi solo, mentre il 31% afferma di non sentirsi ascoltato in famiglia.

Consigli pratici ai genitori

“Il consiglio rivolto ai genitori è iniziare, già da qualche mese prima della nuova esperienza, a parlare con il bambino e capire che, grazie alla parola e all’ascolto delle eventuali preoccupazioni del figlio, si possono affrontare emozioni, riflessioni ed eventuali dubbi” continua la pedagogista di Parentsmile.
Il dialogo sarà la migliore risposta al cambiamento, ma questo è bene che non si traduca nella solita domanda “Che cosa hai fatto oggi a scuola?”. La Dottoressa continua: “Se posta, la risposta sarà “tutto bene” oppure “non abbiamo fatto niente”. Da genitore è fondamentale capire che i propri figli, una volta varcata la soglia di casa, non hanno più voglia di pensare alla scuola dopo una lunga mattinata di spiegazioni, interrogazioni e verifiche”.

Un aiuto arriva da Parentsmile

Oggi per le famiglie italiane è diventato sempre più difficile gestire il proprio tempo tra lavoro, smart-working, figli, familiari, amici e tempo libero. Con la pandemia ci siamo ritrovati a cambiare tutto e a rivoluzionare la nostra quotidianità. Se lo specchio della vita familiare pare così spento tra ansia, stress e tristezza, la domanda sorge spontanea: c’è una soluzione?
La risposta è semplice e si trova in Parentsmile, la prima piattaforma che, a livello europeo, supporta e sostiene tutte le famiglie, anche quelle in dolce attesa. Parentsmile ha un unico obiettivo ben preciso: non abbandonare i genitori, ma affiancare loro sempre, sin dai primi mesi, sin dalla prima ecografia. Questo grazie all’ampia e varia offerta di servizi, che vanno da quelli di tipo medico, formativo-educativo fino ad arrivare a quelli di tipo assistenziale.

Parentsmile è una realtà fresca e in continua crescita che nasce dall’esperienza diretta di mamma di Cristina Lucera, CEO e founder della piattaforma, dalle difficoltà che ha vissuto sulla sua pelle, dalla mancanza di una rete parentale a supporto, dal disorientamento causato dall’inesperienza e dalla disinformazione dilagante sul web, e dalla consapevolezza che fosse arrivato davvero il momento di cambiare tutto ciò, di dare la possibilità ad ogni genitore di trovare con semplicità un supporto professionale, tempestivo, a domicilio nelle fasi più delicate della vita da genitori, per non sentirsi mai più soli ed abbandonati a sé stessi.

Come funziona Parentsmile?

Accedendo dal sito sarà possibile prenotare, in tempo reale e con conferma immediata, servizi di ostetriche, logopedisti, terapisti della neuro-psicomotricità, psicologi/psicoterapeuti, osteopati, nutrizionisti, pedagogisti, puericultrici, tate ed educatrici e personal trainer. Non ci sono limiti orari e/o giornalieri da rispettare, infatti è possibile prenotare gli appuntamenti in giornate/orari extra lavorativi, e anche nel weekend. E grazie ad un algoritmo proprietario di best-matching ed una sincronizzazione in
tempo reale di tutti i dati, sarà la piattaforma a proporre la figura professionale specializzata
più adatta alle proprie esigenze.

Post in collaborazione con Parentsmile

Author

Digital Lover e socialmediaholic, da sempre web addicted e dal 2007 anche mamma (acrobata) di Arianna e dal 2012 di Micol. Mammeacrobate è la mia terza creatura! Qualcosa di me la trovi anche qui www.manuelacervetti.com