Cura della pelle del corpo in gravidanza

Insieme a Collistar scopriremo come prenderci cura del nostro corpo durante il delicato periodo della gravidanza e del post gravidanza.

Il corpo in gravidanza: i consigli del dermatologo

Già a partire dal primo mese di gravidanza, il corpo si trasforma: i lineamenti si addolciscono, il seno si ingrossa e la pelle, normalmente, è più bella.

Ma va detto subito che la pelle del corpo, durante la gravidanza, ha bisogno di una attenzione particolare considerati i grandi cambiamenti e i possibili “fastidi” a cui può andare incontro.

Le smagliature

Uno dei problemi più frequenti è rappresentato, ad esempio, dalle smagliature poiché la pelle della pancia e del seno viene sollecitata dalla dilatazione. Se l’aumento della pancia è veloce, o quando si ha un tessuto connettivo debole, queste antiestetiche striature si possono formare con più facilità. Si tratta di striature di color violetto, a forma di riga che si formano nelle zone di maggiore distensione. Queste ultime tenderanno a ridursi dopo il parto , ma non scompariranno mai del tutto.  Per prevenire le smagliature, almeno in parte, si può ricorrere al massaggio circolare con guanto e con prodotti elasticizzanti ed idratanti specifici, sotto forma di olii e creme che stimolano anche la circolazione locale.

Le macchie della pelle

La pelle del corpo può essere interessata anche dal fenomeno dell’iperpigmentazione, o macchie della pelle/cloasma gravidico, che colpisce principalmente ascelle, parte interna delle cosce, la pelle intorno all’ombelico e le areole mammarie. Esistono anche alcune eruzioni cutanee specifiche della gravida che possono fare la loro comparsa in gravidanza e la più comune di queste è denominata PUPP (papules urticarial pruritic of pregnancy), questa malattia inizia generalmente dall’addome con papule rosse orticarioidi pruriginose che si possono estendere anche alle cosce, al seno e, a volte, alle natiche. Questa condizione viene diagnosticata dallo specialista dermatologo e risolta  con successo dopo pochi giorni di cura.
Le donne affette da malattie allergiche come dermatite atopica o eczema possono accorgersi di un peggioramento in gravidanza che dovrà essere valutato e trattato dal dermatologo in quanto l’utilizzo di farmaci deve essere sotto stretto monitoraggio specialistico.

Idratazione

Infine, per il prurito causato dalla pelle secca soprattutto nella zona dell’addome sono particolarmente utili oli per doccia contenti oli grassi o burro di karité e creme emollienti che hanno effetto lenitivo e ammorbidente donando una sensazione di sollievo dal prurito.

La pelle, quindi, per essere mantenuta in buono stato anche durante i delicati mesi della gravidanza, deve essere sufficientemente idratata e protetta, anche dalle radiazioni del sole che risultano particolarmente insidiose durante tutto questo periodo.

a cura della dottoressa Chiara Lovati, medico dermatologo

 

I consigli della mamma blogger TheYummyMom

La gravidanza è un periodo di trasformazione.

Psicologica, familiare, ma anche semplicemente fisica ed estetica.

Il corpo cambia, la pancia cresce, la ritenzione idrica anche e la pelle è messa a dura prova.

La cosa migliore che si può fare per prevenire smagliature e altri disastri estetici è prendersi cura della propria pelle e di se stesse. Perché va bene mettere il corpo al servizio della riproduzione e della maternità, ma sarebbe ancora meglio, nel mentre, continuare a curarsi e coccolarsi.

Ci hanno dato un corpo e dobbiamo viverci per tutta la vita, è quindi importante trattarlo bene.


Io sono un po’ pigra: non sempre mi ricordo di cospargermi di crema la pancia, i  fianchi, le gambe, il seno e i glutei – le zone più critiche – non sempre bevo acqua a sufficienza. Perché, diciamoci la verità, se non si beve abbastanza, anche la crema migliore del mondo fallisce inesorabilmente.

Quello che invece faccio sempre, sotto la doccia, è usare un guanto di crine come scrub per fare in modo che le creme vengano assorbite e non facciano da inutile coperta al cimitero delle cellule morte.

Durante la gravidanza per mantenere la pelle elastica consigliano di cospargersi la pelle di olio. Io preferisco le creme.

Spesso mi è successo con l’olio di non averlo fatto assorbire bene – con il caldo e la conseguente sudorazione è un inconveniente frequentissimo – e di ritrovarmi gli abiti macchiati. Questo problema, con le creme, solitamente non accade.

Purtroppo in gravidanza non tutte le creme sono consentite, specialmente quelle ad azione rassodante. Ma dopo un’attenta ricerca ho scoperto che le creme per il corpo di Collistar si possono utilizzare senza problemi durante tutti i nove mesi.

Ultimamente avevo la pelle molto secca – più causata dalla pigrizia che dalla gravidanza – e ho provato la Crema Rassodante Intensiva e il Fluido Dermoplastico Elasticizzante di Collistar – combinate, una alla mattina e una alla sera, con ottimi risultati.

Il Fluido Dermoplastico Elasticizzante ha una texture molto leggera, si assorbe velocemente e idrata lasciando le pelle incredibilmente liscia e vellutata.

La Crema Rassodante Intensiva è compatta e va massaggiata un po’ di più, cosa che non guasta visto che la uso la sera e un bel massaggio aiuta anche un po’ la circolazione.

L’ideale sarebbe avere qualcuno, tipo il marito, che massaggia gambe, pancia, glutei e seno, ma in mancanza di questo, anche un’ottima crema come quella di Collistar è una bellissimo regalo per una mamma in attesa.

Elena TheYummyMom ci ha raccontato la sua esperienza personale e la sua opinione in merito ai prodotti specifici per la cura della pelle del corpo in gravidanza di Collistar che è stata invitata a testare.

 

Collistar consiglia

Cura della pelle del corpo in gravidanza
Ti Amo Mamma: cura della pelle del corpo in gravidanza

 

 Articolo sponsorizzato


Author

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.