Come sarà la casa del futuro?

0

Secondo Stefano Brown (Sustainability Manager di Ikea Italia Retail), la casa e gli ambienti stanno cambiando rapidamente. Lo stesso luogo verrà utilizzato per lavorare e per stare con la famiglia, gli spazi, inoltre, stanno diventando sempre più piccoli e spesso condivisi, soprattutto in città. Per il colosso svedese Ikea tutti i cambiamenti nell’arredamento vanno verso una maggiore funzionalità, con i mobili smontabili senza l’utilizzo di attrezzi appositi. C’è anche un maggiore risparmio sull’illuminazione, con lampade dotate di un nuovo sistema a LED wireless. Anche l’azienda svedese ha posizionato sui suoi edifici circa 700.000 impianti fotovoltaici in totale, sparsi in tutto il mondo.

La sostenibilità sarà sempre più importante per le case del futuro, in particolare per quanto riguarda la riduzione dei consumi, le materie prime e anche l’etica dei lavoratori.

Quali caratteristiche avrà la casa del futuro?

Le caratteristiche delle nostre abitazioni nel futuro saranno:

  • maggiore efficienza energetica;
  • utilizzo di materiali sostenibili;
  • sfruttamento di fonti rinnovabili;
  • integrazione con la domotica.

Con la bioedilizia si stanno sperimentando edifici che assicurino il minimo impatto sull’ambiente, grazie a materie prime completamente naturali ed ecocompatibili e tecniche specifiche di costruzione.

Sarà possibile lavorare con un unico materiale, assicurando una continuità con l’involucro architettonico ed ottimizzando il processo di realizzazione delle strutture abitative.

Per gli interni verranno utilizzati soprattutto pannelli di legno naturale, che garantiscono un alto isolamento termico e acustico ed eccellenti proprietà antisismiche.

Saranno protagoniste anche le ceramiche ecotech, nate dal riutilizzo di polveri, impasti e residui della lavorazione di altri elementi e il porcellanato gres, prodotto a  partire da elementi riciclati.

Anche dai monitor di vecchi televisori e computer, si ottiene anche un nuovo materiale: il vetro riciclato.

La casa diventerà più smart

La casa sarà più intelligente, all’insegna del risparmio energetico e della sicurezza, grazie alla domotica. I vari elementi tecnologici saranno in comunicazione tra loro, gestiti tramite apposite app direttamente dallo smartphone.

Gli elettrodomestici, ad esempio il frigorifero, diventeranno più smart, grazie a display touch e assistente vocale integrati, che faranno risparmiare energia. Attraverso questi dispositivi, sarà possibile vedere il contenuto senza aprirlo e tenere sotto controllo la temperatura interna.

Anche il sonno sarà intelligente, grazie ad un monitoraggio biometrico e un materasso che migliorerà la qualità del riposo, collegato ad un’app che fornirà statistiche dettagliate sul nostro sonno.

Le architetture saranno sempre più modulari, costruite in poco tempo e facili da spostare, ma anche green, come la Smarthome MicroArch di Modom, espansibile o riducibile a seconda delle esigenze. Verrà creata energia in maniera pulita per la casa, grazie soprattutto al fotovoltaico, all’eolico e alle biomasse.

Parlando di costi, attualmente quelli per la bioedilizia sono superiori alle costruzioni tradizionali solamente del 10 – 15%, ma vengono ammortizzati nel tempo, rappresentano quindi un investimento.

Uno degli esempi virtuosi made in Italy è MADI (Modulo Abitativo Dispiegabile), una casa antisismica e modulare. Il progetto nasce dalla collaborazione tra l’azienda abruzzese Area Legno e l’architetto Renato Vidal. Si tratta di una struttura prefabbricata in legno ed in grado di resistere ai terremoti, grazie alla tecnica del dispiegamento. È ad impatto zero, perché non ha fondamenta e non consuma territorio, ma è ancorata al terreno grazie ad un sistema di viti ed è dotata di pannelli fotovoltaici riutilizzabili al 100%.

Queste alcune delle novità che ci attendono per il futuro e che ci permetteranno di avere una casa più sana e a ridotto impatto sull’ambiente. Cosa ne pensate? 

 

Diritto d’autore: scyther5 / 123RF Archivio Fotografico


Autore del post

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.