Di quanti abbracci ha bisogno un bambino? Ce lo dice la scienza | Mammeacrobate

Voi abbracciate i vostri figli? Abbiamo letto un articolo molto interessante che dimostra quanto, secondo uno studio americano, gli abbracci siano essenziali durante l’infanzia e la crescita dei bambini. Migliorano la loro empatia e autostima, li aiutano a sentirsi protetti e li rendono più sereni.

Secondo la psicoterapeuta statunitense Virginia Satir questa sarebbe la formula perfetta: abbiamo bisogno di 4 abbracci al giorno per sopravvivere, di 8 abbracci al giorno per sostenerci e di 12 abbracci al giorno per crescere.
Ma perché un abbraccio aiuta a crescere?

Gli abbracci fanno bene ai bambini

Gli esseri umani sono esseri sociali e in un continuo cerchio si incontrano, danno vita a un bambino e in seguito sarà il bambino che crescendo darà alla luce un nuovo bambino. Ma lo sapete che è l’ossitocina, l’“ormone dell’amore”, che influenza l’interazione sociale e il legame tra le persone?

Potrebbe interessarti anche L’abbraccio che guarisce: il metodo Holding

L’ossitocina è un ormone fondamentale durante la gravidanza, il travaglio e il parto e successivamente durante l’allattamento. Infatti questo ormone attenua il dolore e facilita la comparsa di un sentimento per il neonato attraverso la voglia di carezze, calore e contatto fisico. Il suo rilascio equivale a formare una relazione importante e significativa. Tramite esso si riconoscono e creano quel legame che durerà per tutta la vita. Abbracciare il proprio figlio è l’istinto più naturale e fa bene a mamma e bimbo. L’affetto fisico nell’infanzia e nella crescita è importante perché favorisce una solida base emotiva e fisica e la capacità di sviluppare fiducia e forti legami con gli altri.

Il ruolo dell’ossitocina, l’ormone dell’amore

Nei genitori con neonati è stato dimostrato che i livelli di ossitocina sono alti dove esiste un’interazione positiva tra partner e tra genitori e bambini. Mentre il livello dell’ormone è basso in madri stressate dal loro ruolo e dall’interazione negativa con i neonati. Inoltre, lo studio ha dimostrato che il contatto fisico ha permesso al loro cervello di svilupparsi più velocemente e in modo più sano e di sviluppare la loro percezione e cognizione.

L’ossitocina non interviene solo durante il parto e l’allattamento, ma anche nella sfera sessuale e nella sfera emotiva/affettiva, infatti l’ormone gioca un ruolo centrale nelle interazioni sociali e nelle reazioni sentimentali. Si attiva attraverso il contatto fisico, diminuisce i livelli di stress, ansia e favorisce la fiducia, il senso di appartenenza e la socializzazione.

Sappiamo qual è la cosa che farete subito dopo aver letto questo articolo! Ma prima di correre dai vostri bambini sappiate che un abbraccio di 5 secondi stimola la comparsa dell’ossitocina, uno di 20 secondi attiva la sua produzione. E ora, tocca a voi!

photo credits: 123rf