Un dolore d'amore. Il parto | Mammeacrobate

il dolore del partoEd ecco che il nostro pancione sta per scoppiare… è proprio arrivato il momento, il nostro cucciolo è curioso di vedere il mondo.

Aiuto il parto!

Siamo abituate a sentire il racconto del parto da amiche che raffigurano e descrivono spesso tragedie, ma avete mai chiesto alle vostre nonne?
La maggior parte racconterà l’esperienza come la cosa più naturale del mondo… nessuna odissea!
Prima che toccasse a loro avevano già respirato l’emozione della nascita di un bambino, magari avevano assistito una zia o una cugina, oppure semplicemente erano nella stessa casa quando la luce accarezzava per la prima volta il viso di un nuovo piccolo componente della famiglia.

Le nostre nonne non erano agitate, ansiose o spaventate, loro erano felici e rilassate ma soprattutto consapevoli. Questa consapevolezza rendeva il tutto più semplice e meno doloroso.

Ma cos’è il parto?

Semplicemente un’esperienza d’amore.

Sicuramente ricorderete la vostra prima esperienza con un uomo, si proprio quella! Un po’ dolorosa ma bella…
Ecco come dovrebbe essere vissuto il parto, con l’eccitazione della prima volta, con la partecipazione attiva della mamma, con la consapevolezza che ci aiuta a rilassarci, pronte a vivere serene questa esperienza unica.
Un parto vissuto come dolore d’amore ci lascerà soddisfatte e ci darà la carica per entrare nel meraviglioso mondo delle mamme.

In ospedale non permettiamo che siano altri a decidere per noi, consapevolezza e partecipazione dovrebbero accompagnare ogni gesto. Per la nostra esperienza d’amore luci soffuse e la posizione che più preferiamo sono un ottimo punto di partenza.

Il nostro corpo è dotato di tutto quel che serve per affrontare il momento del parto e la maggior parte delle volte non è necessario nessun intervento medico, non è necessaria la stimolazione con ormoni sintetici e soprattutto l’uso di anestesie, inoltre spesso non serve la rottura delle acque o l’episiotomia ma solo un po’ più di tempo.

Siamo noi a dover partorire
e con questo non intendo dire che siamo in grado di sostituire ginecologi e ostetriche, dico solo che il loro ruolo dovrebbe essere quello di collaborare con noi al nostro parto e le decisioni prese in ogni momento andrebbero concordate.

Non è necessario essere delle tigri che difendono se stesse e il proprio piccolo, anche se questa immagine non mi dispiace per niente, ma a volte bastano due semplici domande:

E’ proprio necessario?
Ma non si può aspettare ancora un pò?

Sicuramente ci saranno dei momenti durante il parto in cui non saremo molto lucide ed è per questo che è molto importante avere ben in mente che tipo di parto vorremmo poter vivere ed è importante che tutto ciò sia chiaro anche a chi (marito o mamma che sia) starà accanto a noi in quel momento, insieme dovremo essere pronti a difendere le nostre aspettative.

La mia esperienza d’amore:

36 ore in ospedale con le acque rotte, 15 ore di dolori d’amore, poi la meravigliosa sensazione di poter aiutare il mio piccolo a scivolare verso il suo nuovo mondo e…i meravigliosi occhi di mio figlio in cui leggere un intero universo…poi fame, stanchezza e un enorme senso di appagamento!

Author

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.