Perché usare il sacco nanna? - Mammeacrobate

Il sacco nanna è una buona intuizione dei paesi del nord che piano piano si è fatta spazio tra gli acquisti delle mamme italiane.

Ma perché usare il sacco nanna invece che lenzuoli e copertine?

  • i bambini si scoprono.
    Non tutti ma molti sì, scalciano, si divincolano, rotolano e dopo pochi minuti li hai con le coperte ai piedi del lettino mezzi congelati.
  • i bambini si muovono
    E questo disturba il loro stesso sonno! Certi bimbi, più “sensibili” di altri, si svegliano per colpa dei loro stessi movimenti! Il sacco nanna li tiene raccolti.
  • i bambini hanno bisogno di un rituale.
    Essere inseriti nel sacco nanna può essere un’azione chiara che, ripetuta sonnellino dopo sonnellino, li aiuterà ad addormentarsi con più facilità perché associata al momento del sonno. Anche quando il bimbo è fuori casa (al nido, in vacanza) avere il proprio sacco nanna è rassicurante.

Come scegliere la taglia?

Attenzione alla taglia: dentro un sacco nanna troppo grande i bambini rischiano di scivolare dentro e perde la sua funzionalità. Di solito conviene non affidarsi alla taglia espressa in mesi ma misurare il bambino: il sacco nanna dovrà essere più lungo di 15 cm

Cosa sono i TOG?

La pesantezza del sacco nanna viene misurata in TOG:

  • spessore TOG 0,5 :è il sacco nanna estivo con una temperatura della stanza di 24°>27°
  • spessore TOG 1,0: è il sacco nanna per una stanza con temperatura tra i 20° e i 24°
  • spessore TOG 2,5; è il sacco nanna invernale con temperature tra  i 16° e i 20°

Che modello scegliere?

Ecco alcuni modelli diversi della collezione Noukie’s adatti per tutte le età (e tutte le temperature!)

 

..una lettera della buona notte di Mamma Elisabetta

Caro bimbo mio, sono tornata a casa da poco, la giornata al lavoro è stata lunga. La nonna è qua con te e ti culla da un’ora, ma tu senza di me non dormi con facilità.

Io mi tolgo le scarpe, mi lavo le mani e sono da te. Non faccio altro, non mangio, non mi spoglio, non mi accomodo sul divano, mi dirigo subito verso di te e un attimo dopo siamo abbracciati.

Inizia a far freddo vero? Dentro casa è più fresco che fuori e tu hai le manine fredde.

Il nostro rituale della nanna è semplice: ti prendo in braccio e appena sei tranquillo ti appoggio dentro il tuo sacco nanna e di sdraio vicino a me,  ti parlo piano piano e continuo a cullarti, il ciuccio ti aiuta a rilassarti e dopo un po’ crolli.

Non posso allontanarmi subito, né posso spostarti con facilità, allora mi godo quel momento di silenzio, approfitto per leggere due pagine di un libro nella penombra della stanza. La mia giornata non è ancora finita, tutto il resto della casa e delle responsabilità mi aspettano, ma quella è la mia piccola pausa. Tu addormentato al caldo e io affianco a te. Tutto è in pace.

Buona notte.

noukies-sacco-nanna-gianluca

Elisabetta è stata la nostra mamma tester per Noukie’s e ci ha aiutato a scrivere questo simpatico post! Se anche tu vuoi diventare Mamma Tester compila questo form!

Post sponsorizzato

photo credit: Noukie’s

 

Author

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.