TRIO LOVEmotion di Chicco: è stato subito amore!

0
Tweet about this on TwitterShare on Facebook13Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

Mi presento, sono Valentina e da un mese sono la mamma del mio piccolo Leonardo!
Ho avuto l’opportunità di testare il nuovo Trio di Chicco LOVEmotion e sono stata invitata a raccontare qui la mia esperienza personale, così che possa essere di interesse e aiuto per altre mamme e papà che si apprestano ad accogliere in famiglia un bimbo.

Beh, che dire, pare proprio che anche stavolta, Chicco con noi abbia fatto centro!
Eh sì, perché una volta diventata mamma, ci si rende conto di quali siano i dettagli importanti, quelli che davvero fanno la differenza tra un prodotto ed un altro e devo dire che qui, ne ho trovati parecchi!

Trio di Chicco LOVEmotion, amore a prima vista!

Quando aspettavo Leonardo ed il mondo dei “must have” per neonati mi era del tutto nuovo e sconosciuto, devo essere sincera, mi basavo quasi ed esclusivamente sull’estetica nella scelta del prodotto ed inizialmente è stato proprio questo ad avermi spinto in direzione del Trio LOVEmotion di Chicco.
Già, perché sobrietà ed eleganza nel Trio LOVEmotion di Chicco non mancano, anzi!

Punti di forza del nuovo Trio LOVEmotion 

Ora che Leonardo ha un mese, però i punti chiave, quelli più importanti e che si apprezzano veramente solo dopo essere diventata mamma, sono altri…

DIMENSIONE

Eh sì, c’è da dire che se il telaio non fosse stato così poco ingombrante, non sarei mai riuscita a farlo entrare nell’ascensore di casa mia (quello vecchio con le due porticine per intenderci). Questi 50 cm sono stati un salvavita per me ed il papà di Leo… altrimenti hai voglia farsi quattro piani a piedi carichi come muli!

 

PRATICITA’ APERTURA/CHIUSURA

Anche qui, è una piacevole scoperta testata e ri-testata quotidianamente dopo la nascita del bimbo. Si riesce a fare tutto con una sola mano perché maneggevole e pratico, sia da aprire che da chiudere.
L’ingombro poi è limitato, infatti, ci sta senza problemi nel mini baule della mia utilitaria.

RUOTE PIROETTANTI

Sembra un dettaglio da niente, ma vi assicuro che per me non lo è! Poter spostare la navicella da destra a sinistra e viceversa, sterzando con estrema facilità, agevola le passeggiate, sia che siate a fare shopping sul pavé del centro di Milano, sia che stiate percorrendo la stradina di ghiaia che porta a quell’agriturismo di provincia dove si mangia da dio.

MANIGLIONE

Vi garantisco che quando sono in giro con Fonzie, il maniglione unico è una gran comodità perché potendo guidare la navicella con una sola mano, l’altra è libera e la posso usare per fare altro… si sa, noi donne siamo multitasking e la cosa ci riesce particolarmente bene ;-). E pensare che il papà di Leo preferisce usarlo con i manici separati…

NAVICELLA XL

Ah, non dimentichiamoci la navicella è XL, più larga e comoda rispetto a quella dalle misure standard; quindi se, come me, avete partorito un piccolo vitello, vedrete come si sentirà un pascià lì dentro nonostante la sua stazza non proprio esile!
Se poi siete mamme apprensive o che comunque amano tenere sempre tutto sotto controllo, esiste una manopola che si trova dietro la navicella grazie alla quale potrete alzare la posizione del bambino inclinandola di qualche grado così da riuscire a vedere sempre il vostro cucciolo, visto che con questo freddo, tra piumini, copertine e sacchi nanna si finisce per non vederlo più perché sommerso!

OVETTO

Telaio e navicella promossi a piedi noti, insomma, ma non posso non menzionare l’ovetto che, grazie alla base auto che Chicco fornisce direttamente con l’acquisto del Trio, comporta un passaggio di cinture in meno. Praticità e sicurezza con l’utilizzo di una sola cintura, quindi!
È possibile fissarlo davanti (ricordatevi sempre di disattivare l’airbag in quel caso) oppure, ancora meglio, dietro ma mi raccomando posizionatelo sempre in senso contrario alla marcia!

Leonardo si fa sempre delle belle dormite appena metto in moto la macchina, mi sa che piace molto anche a lui questo ovetto che, merito delle sue imbottiture e forme lo contiene per bene permettendogli di rilassarsi.

PASSEGGINO

Il passeggino per il momento dobbiamo ancora provarlo, ma non vediamo l’ora!
La seduta è reversibile per cui il bambino potrà essere messo sia rivolto verso la mamma (magari i primi tempi), sia girato verso il mondo alla scoperta di ciò che di bello c’è là fuori.

Per me il Chicco Trio LovEmotion è stata un’ottima scelta, con un buon rapporto qualità/prezzo. Se poi contate che il passeggino lo useremo poi per tre anni… beh, l’investimento ne vale davvero la pena!

Valentina

 

Product test in collaborazione con Chicco 


Autore del post

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.