La storia di Cristina… e di chi è nato 2 volte

0
Tweet about this on TwitterShare on Facebook29Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

Ebbene si vi sembrerà un’espressione strana e alquanto bizzarra, nascere due volte, ma è ciò che accade ai bambini che nascono prematuri.

La storia che oggi vogliamo condividere con voi è la storia di una bambina di nome Cristina nata prematura alla ventiseiesima settimana, pesava 577 gr ed è riuscita a vivere grazie alle cure dell’Ospedale Buzzi di Milano, dove ha affrontato oltre alle numerose cure un’operazione agli occhi.

Oggi Cristina ha 7 anni ed è una bambina super attiva, sana e forte alla quale piace molto fare sport.

“Cristina, la nostra meravigliosa bimba, è nata due volte: la prima volta quando è nata prematura il 30 giugno, alla 26° settimana ( e non alla 40° come gli altri bambini), non era ancora pronta per vivere, ha avuto bisogno di tante cure e un’operazione agli occhi; la seconda volta, 3 mesi dopo, il 6 ottobre, quando è cominciata la sua vera vita. E anche la nostra.”

Per questo ci sentiamo in dovere di offrire spazio e visibilità all’iniziativa di tutto rispetto attivata, in questo periodo fino all’8 maggio, da OBM Onlus.

Si tratta di una campagna di raccolta fondi tramite numero solidale per sostenere le spese di acquisto di un macchinario per l’ospedale, uno strumento che serve a diagnosticare per tempo una malattia della retina che spesso i prematuri sviluppano e che è importante curare fin da subito, per evitare che si aggravi e che porti alla cecità.

Fino all’8 maggio 2017 puoi donare 2 euro con SMS da cellulare personale, 5 euro o 10 euro con rete fissa al numero 45549.
Noi lo abbiamo già fatto, ora mancate voi! Buona seconda nascita piccoli guerrieri

 

 

Diritto d’autore: sonyae / 123RF Archivio Fotografico


Autore del post

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.