Gelato con il biscotto fatto in casa

10
Tweet about this on TwitterShare on Facebook164Pin on Pinterest14Share on LinkedIn0Share on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

Estate, caldo e i nostri bimbi vivrebbero di gelato, si sa che è un alimento ricco e dà loro tanto nutrimento e allora perché non farlo in casa rinunciando a qualche colorante e conservante?

Questa ricetta è facilissima, veloce, non serve la gelatiera e piace a grandi e piccini, ideale da tenere in freezer anche se arriva qualche amichetto a casa per merenda così da non farsi trovare impreparate.
Mi piace molto divulgare questa ricetta perché mi ricorda una nonna, la nonna di 4 bambini che preparava loro questo gelato per merenda, quindi un grazie di cuore a nonna Vera per averci donato questa deliziosa ricetta.

Come fare il gelato a casa senza gelatiera

Ingredienti

3 tuorli
250ml panna da montare
3 cucchiai di zucchero
1 bustina vanillina
biscotti Rigoli del Mulino Bianco (ho provato ad usarne altri, ma questi sono i migliori per questo gelato)

Procedimento

Montare bene la panna, aggiungere lo zucchero e i tuorli uniti con una frusta  e in fine la vanillina (sempre sbattendo con le fruste) fino ad ottenere un composto bello sodo.
Poi disponiamo i biscotti a faccia in giù in una pirofila in modo che si tocchino, mettiamo uno strato di  crema e sopra e poi mettiamo altri biscotti a faccia in sù in modo che combacino con quelli sotto per formare il gelato con un biscotto sopra e uno sotto.

Lasciare in freezer per almeno 4 o 5 ore.
Alla crema si possono aggiungere anche scaglie o gocce di cioccolato.

Buon divertimento, se avete bimbi che non divorano tutto ciò che vedono potete tranquillamente realizzarlo insieme a loro.

Ricetta di Tamara

 

photo credit: ralph and jenny via photopin cc


Autore del post

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.