Dieci luoghi comuni sulla lavastoviglie

12
CondividiTweet about this on Twitter0Share on Facebook11Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Google+1Share on TumblrEmail this to someonePrint this page

E’ più rispettoso per l’ambiente lavare i piatti a mano o in lavastoviglie? E quale dei due metodi è più efficace? In questo post gli esperti di Electrolux demoliscono i dieci luoghi comuni più diffusi sull’utilizzo della lavastoviglie. E in alcuni, confessiamo, c’eravamo cadute anche noi!

1)      Se si effettua il pre-lavaggio a mano, i piatti vengono più puliti

E’ stimato che il 30% delle persone lavano i piatti a mano prima di metterli in lavastoviglie. Con una buona apparecchiatura, non c’è alcun bisogno di farlo per raggiungere ottimi risultati di pulizia.

2)      E’ più rispettoso dell’ambiente lavare i piatti a mano che utilizzando la lavastoviglie

Lavando i piatti a mano si spreca molta acqua ed energia rispetto al lavaggio in lavastoviglie. Infatti, si consuma il doppio di energia – e ancora di più se si usa l’acqua corrente – e dieci volte la quantità di acqua.

3)      I coltelli si rovinano in lavastoviglie

No, se posizionati correttamente.

4)      Si dovrebbe sempre cercare di lavare a temperatura bassa per aiutare l’ambiente

Dipende. Temperature più basse possono essere più rispettose dell’ambiente, ma non rimuovono tutti i tipi di residui dalle stoviglie. Si risparmiano acqua ed energia scegliendo un ciclo intensivo breve ad alta temperatura, rispetto al successivo lavaggio a mano dei piatti che non sono venuti puliti.

5)      Non si dovrebbero inserire bicchieri di cristallo in lavastoviglie

Basta scegliere il ciclo giusto. Tutti i tipi di bicchieri possono essere lavati in lavastoviglie se si utilizza il programma adatto.

6)      Riempire al massimo la lavastoviglie porta risultati peggiori

Non è così se si utilizza un’apparecchiatura che adatta automaticamente il programma al carico e che è dotata di un sistema avanzato di lavaggio.

7)      Piatti e bicchieri sbiaditi e opachi sono il risultato di una pessima lavastoviglie

Troppo detergente, non l’apparecchiatura in sé, è ciò che toglie la brillantezza alle stoviglie.

8)      Se i piatti non risultano perfettamente puliti al primo lavaggio in lavastoviglie, si dovrebbe ripetere il lavaggio.

C’è solo una possibilità: se i piatti non vengono puliti al primo lavaggio, i residui si induriscono insieme con il detergente durante il programma di asciugatura e si incollano ai piatti come cemento. Per questo è cruciale ottenere un buon risultato al primo colpo con una lavastoviglie che lavi e risciacqui a fondo tutti i piatti, indipendente dalla loro posizione di carico.

9)      I detersivi più cari sono più efficaci di quelli economici

Un detersivo più caro non è necessariamente migliore di uno più economico.

10)    Il detersivo è l’unico fattore che rende i piatti puliti

Il detersivo è sicuramente importante, ma la pulizia è per la maggior parte il risultato dell’alta temperatura dell’acqua che a getto ripetuto raggiunge i piatti da angoli diversi.

E chiudiamo con una nota divertente! Ho letto il libro Nonsolomamma in circa 72 ore… lo trovo esilarante … ironico… vero. L’avremmo potuto scrivere tutte noi… mamme acrobate… ma di certo lei l’ha fatto meglio! Già colpita dalla “funzione catartica della lavatrice”  descritta nel libro, mi imbatto sul suo blog nel bollettino familiare di cui vi riporto per comodità questo estratto:

elastigirl inspira e si infila in jeans, espira e se li toglie immediatamente. “tornerò come prima? eh? secondo te torno come prima?”, chiede ossessivamente a mister incredible.

“presumo di sì”
“che risposta è? perché usi il verbo presumere quando ho bisogno di certezze?”
“scusa, devo svuotare la lavastoviglie”
“uffa. chissenefrega della lavastoviglie. parlami-rassicurami-coccolami”
“posso attentare alla tua virtù?”
“no, il microbbit ha fame. e poi sai cosa ha detto il ginecologo?”
“no, non lo so. cosa ha detto il ginecologo?”
“che se il leone si avvicina con intenzioni lubriche mentre la leonessa allatta, indovina un po’ che fa la leonessa?”
“che fa?”
“lo sbrana”
“quindi non posso attentare alla tua virtù?”
“a tuo rischio e pericolo”
“allora mi dedico alla lavastoviglie”
“io vado dal microbbit”

E penso che è vero. Che ci sono cose che appartengono alla nostra quotidianità, alle quali siamo banalmente abituati, che in alcune occasioni, hanno la capacità di prendere vita e diventare i nostri migliori alleati o i nostri peggiori nemici. Tra questi, nella mia vita, ci sono gli elettrodomestici che, in più di un’occasione, hanno auto l’inspiegabile capacità di:

 

1. togliermi da situazioni imbarazzanti “scusate devo andare a stendere”

2. mettermi in situazioni ancora più imbarazzanti “dai te lo cambio io il sacchetto dell’aspirapolvere…”

E non solo. Si portano dietro tutto un vissuto che difficilmente riusciamo a superare, buona parte del quale si basa su stereotipi luoghi comuni, proprio come quelli che abbiamo sfatato sulla lavastoviglie!

A questo punto, davvero, la lavastoviglie per noi mamme acrobate non ha più segreti…

 

 

photo credit: David Locke via photopin cc

CondividiTweet about this on Twitter0Share on Facebook11Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Google+1Share on TumblrEmail this to someonePrint this page

Autore del post

Mammeacrobate.com è un portale di informazione e confronto su maternità e genitorialità, uno spazio nel quale le mamme si raccontano e si scambiano consigli, racconti ed esperienze di vita grazie alla collaborazione con professioniste che mettono a disposizione di altre mamme e donne le loro competenze e grazie a mamme che si raccontano per socializzare problematiche o stralci di quotidianità.