Cosa dire a tuo figlio se scopre che Babbo Natale non esiste

8
Tweet about this on TwitterShare on Facebook232Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

In qualche momento della vita i nostri bambini verranno a scoprire la terribile verità: Babbo Natale non esiste!

Di solito succede durante le elementari, ma un conto è quando metti insieme i pezzi, gli indizi, le intuizioni e lo capisci da solo (è brutto, ok, ma fa parte del diventare grandi, sì è brutto è brutto lo stesso, lo so).
Diverso però è che il nostro piccolino, in tutta la sua innocenza, lo scopre troppo presto: non so, grazie al compagno di classe stronzetto smaliziato che già a 5 anni aveva riempito di botte un pupazzo dei Teletubbies per strappargli il costume e che ha il fratello più grande che odia il Natale e tutte le feste per esempio.
O magari… da internet! Credete davvero che una volta imparato a scrivere i nostri figli non cercheranno su google Babbo Natale esiste? Lo faranno, lo faranno…

Quindi, come dobbiamo comportarci noi genitori? Quando il piccolotto di casa, nel suo pigiamino rosso, a due settimane dalla Vigilia, vi annuncerà:

“Mamma, ho saputo in giro che Babbo Natale non esiste!”

Cosa farete? Siete pronti??

Ecco qualche suggerimento per affrontare la situazione!

Parliamone…

La prima cosa da fare è chiedere, con tantissima innocenza, la stessa che sperate abbia ancora lui: Ma tu, ci credi?
Potrebbe non essere pronto ad accettare la notizia e avere voglia di crederci ancora. In questo caso sarà tutto in discesa: diffamate il compagno di giochi, dissacrate internet e la magia del Natale sarà salvata!

Vogliamo le prove!

Cercate delle prove: preparatevi già ora qualche link serio che vi può aiutare, fate arrivare una lettera di risposta alla sua dal Polo Nord o, visto che anche il Buon Babbo si è modernizzato, una chiamata o un video messaggio personalizzati…

Da quest’anno anche in Italia è disponibile Polo Nord Portatile, un’app molto semplice da usare! Per fare la richiesta basta scaricarla da Apple Store o Google Play, oppure iscriversi sul sito ufficiale, inserire qualche informazione sul destinatario e personalizzare lo scenario.

Quando il telefono squillerà all’altro capo della cornetta ci  sarà Babbo Natale! Se si preferisce il videomessaggio, sono vari gli scenari tra cui scegliere: i saluti nella sua casa o all’ufficio postale, oppure è possibile visitare la casa di un elfo! Con la versione Premium la scelta degli scenari sarà più ampia, tra cui la chiamata in diretta dalla slitta la sera della Vigilia!  Tutti i video saranno personalizzati per il destinatario, indicando il nome, data di nascita, paese di residenza e, se si vuole, una foto.

E per ogni messaggio acquistato, grazie al programma Ospedali Pediatrici Polo Nord Portatile, parte del ricavato verrà devoluto all’ospedale pediatrico più vicino a chi ha effettuato l’acquisto.

Se vuole crederci queste cose (in calce altri link utili) serviranno!

Se ci credi, allora è vero!

Buttatela sull’importanza della fede: Babbo Natale esiste solo per chi ci crede! Il vecchio sarà anche un po’ orgoglioso e un po’ presuntuoso, ma tutto quello sbattimento, su e giù per camini, finestre, finestrelle, oblò, lo fa solo per chi ci crede davvero, non certo per qualche bambino impenitente fastidioso e pieno di dubbi!

Puntiamo sulla magia…

Se la situazione è irreparabile aggrappatevi alla Magia del Natale: non ci sarà una persona in carne e ossa che porta i regali a tutti ma il suo spirito è di ispirazione e vive in tutti noi, genitori, bambini di tutto il mondo… (e piangete in silenzio!)

Un ultimo consiglio è per voi: godetevi questi anni, pochi anni, in cui la magia c’è, davvero, nei cuoricini dei nostri bimbi. Godetevi il natale, la letterina, i regali, le gite in posti magici. Poi passano…

Link Utili

http://www.noradsanta.org/

http://www.northpole.com/

http://www.santatelevision.com/babbonatale/babbo-natale/webcam-live-villaggio-di-babbo-natale/

 

photo credit: Unsplash – srikanta


Autore del post

Sono una – quasi - donna con un bambino di sei anni e una seconda cosina appena nata. Più tante, troppe, passioni: dall’uncinetto alla illuminotecnica! Non è facile coltivarle tutte e infatti non lo faccio, ma internet mi aiuta a sopperire alla mancanza di tempo e di energie: tutto quello che mi piace lo trovo in rete ed è in rete che trovate me, Castagnamatta.