Cars 3 in anteprima: piccoli critici cinematografici crescono

0
Tweet about this on TwitterShare on Facebook36Pin on Pinterest0Share on LinkedIn1Share on Google+0Share on Tumblr0Email this to someonePrint this page

Non puoi essere una vera Zia Acrobata, se non accompagni almeno una volta i nipoti al cinema. Del resto, come ci si può esimere da un impegno simile?

Ho avuto la fortuna di portare Andrea alla sua prima visione di un cartone animato sul grande schermo (o «al cineman», come dice lui. E come dice sua sorella Sofia. E come dicevo anche io alla loro età, a dirla tutta). Correva l’anno 2015 e vedemmo – su sua richiesta – “Minions”. Proiezione pomeridiana, ovviamente, e infrasettimanale; il che comportò non pochi dribbling tra appuntamenti lavorativi vari della sottoscritta (ma non si diventa Zie Acrobate a caso).

Come andò? Fu impossibile tenerlo lontano dalla maxi confezione di pop-corn… ma, in effetti, chi ero io per negargliela? La potenziale vena da critico cinematografico dell’allora quattrenne era già ben evidente: «Zia, mi è piaciuto un sacco vederlo così in grande e con tutti i bimbi attenti, ma mi ha un pochino annoiato».

cars 3 anteprima

Da quel momento in poi, l’abbinamento cinema + pop-corn è diventato una delle sue grandi passioni. E così, è stata accettata con entusiasmo la mia proposta di accompagnarlo a vedere “Cars 3”, in anteprima per “Topolino Magazine”.
«Sìììì!!!! Andiamo!» Non poteva rinunciare alla golosissima occasione di essere Toporeporter e, allo stesso tempo, vedere il nuovo film col suo idolo, Saetta McQueen. (La vera fatica, in realtà, è stato fargli capire che nei giorni successivi non lo avrebbe potuto rivedere in loop, come capita con qualsiasi cartone animato di suo gradimento, ndz*)

L’eccitazione dell’ormai seienne era palpabile sin dalla mattina presto. Vani i tentativi di fargli indossare una maglia che non fosse la giacca del pigiama con i protagonisti di “Cars”. «Tanto con i jeans sembra una maglietta normale, no?» E poi tappa in bagno per farsi «la cresta col gel», quella delle grandi occasioni.

Di seguito la recensione del film, che uscirà nelle sale il 14 settembre, a opera dell’ormai seienne. Una cosa sin da subito gli è stata chiara: «Però non dico la fine, se no rovino la sorpresa». Niente spoiler, dunque. Tranquilli.

«Sono passati un po’ di tempi, un po’ tanti tempi. Sono diventati tutti più grandi e le macchine sono più potenti. Questo è il futuro, vero zia? Per fortuna però ci sono sempre i trattori mucca! Anche se la mia scena preferita è quella della Gara degli Sfaciacarrozze. Sbang. Sbang. Sbang. Però il mio preferito di tutti è sempre Saetta, eh! Lui pensa sempre ai suoi vecchi amici. Come me con Jacki, vero zia? Ma aiuta anche quelli nuovi, come Cruz… anche se è femmina. Però è un po’ un maschiaccio lei: mi piace. Per fortuna che non si namorano però. Bleah!».

*nota di zia

©2017 Disney•Pixar. All Rights Reserved

 

 


Autore del post

Giornalista professionista e socia di BonnePresse. Si allena con parole, immagini e credendo ad almeno sei cose impossibili prima di colazione. Il suo soprannome preferito è Zia Anche, coniato da Andrea e usato pure da Sofia.